Contenuto sponsorizzato

Esplosione in una abitazione a Trento nord, ci sono dei feriti. L'area è stata transennata

E' successo nella zona di Spini di Gardolo in una casa privata. Vigili del fuoco di Gardolo e i permanenti sono sul posto

Pubblicato il - 06 giugno 2020 - 20:33

TRENTO. Attimi di paura questa sera a Trento nord. Sono almeno tre, dalle prime informazioni, le persone rimaste ferite nell'esplosione che si è verificata in una casa privata nella zona di Spini di Gardolo, in via delle Palazzine.

 

L'allarme è scattato attorno alle 19.30 e sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco di Gardolo e i permanenti di Trento. Sulle cause dell'esplosione, che si sarebbe verificata in cucina, non si hanno al momento notizie certe.

 

Potrebbe essere stata provocata da una bombola di gas oppure una pentola lasciata sul fornello acceso. 

 

L'area è stata immediatamente messa in sicurezza e transennata per evitare ulteriori pericoli da altre esplosioni. Sul posto si sono portati anche i carabinieri. 

 

Per quanto riguarda i feriti, fortunatamente, nessuno sembra essere grave. E' stato chiesto anche l'intervento di un veterinario perché nell'esplosione sarebbe stato coinvolto anche un cane.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 13:19

La rabbia dello studente che è stato sanzionato: "Prima si incentiva la micro-mobilità e si spingono i giovani ad investire in un futuro più sostenibile, ma poi si multa uno studente per l’utilizzo di un mezzo elettrico per spostamenti in città". Lo skateboard è stato parificato ad un ciclomotore e il ragazzo è stato multato per mancanza di targa, libretto di circolazione, assicurazione, mancato uso di casco e conduzione sul marciapiede

29 settembre - 12:45

Paolo Zanollo, delegato del Wwf per il Garda e sub: "In appena 200 metri di spiaggia ne abbiamo raccolte ben 30”. Rifiuti trovati anche nei canneti, preziosi ecosistemi di filtro naturale nel lago

29 settembre - 11:29

Le attrezzature da pesca abbandonate rappresentano un pericolo reale per molte specie di pesci, uccelli e mammiferi marini, l’esperto del Muse: “Il filo della lenza può avvolgersi intorno ai tarsi delle zampe, causando la necrosi dei tessuti e la successiva amputazione dell’arto. Oppure può anche avvolgere il collo, causando soffocamento”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato