Contenuto sponsorizzato

Il super-microscopio “parla” anche italiano grazie a Fbk: “Utilissimo per la ricerca medica e diagnostica”

Fbk parteciperà alla realizzazione di un nuovo tipo di microscopio, l’esperto: “La microscopia infrarossa permette di indagare sulle proprietà biochimiche in modo selettivo: in prospettiva questa possibilità potrebbe essere molto utile anche nell’ambito della ricerca medica e diagnostica”

Pubblicato il - 09 December 2020 - 11:37

TRENTO. Sviluppare un microscopio quantistico capace di visualizzare la biochimica di un campione in “tempo reale”: è questo l’obiettivo principale di “FastGhost”, un progetto di ricerca partito ufficialmente lo scorso 1 ottobre e finanziato grazie ai fondi messi a disposizione dall’Unione Europea, per un importo di circa 3 milioni di euro. Il progetto in questione, che include centri di ricerca di Germania, Svezia e Olanda, parlerà anche italiano perché fra i partner del consorzio c’è pure la Fondazione Bruno Kessler, con l’unità Iris guidata da Matteo Perenzoni.

 

Alla base del progetto c’è il potenziamento di una tecnica nota come ghost imaging, che consiste nell’illuminare un oggetto con un certo tipo di radiazione (in questo caso, il medio infrarosso), utilizzando poi un’altra radiazione (la luce visibile) per costruire l’immagine dell’oggetto stesso. A rendere possibile questo processo è l’esistenza di una forte correlazione tra i fotoni (i quanti di luce) relativi alle due radiazioni utilizzate. Si tratta del cosiddetto entanglement, un fenomeno tipico della meccanica quantistica per cui due oggetti presentano una sorta di legame a distanza: il comportamento dell’uno determina quello dell’altro, e viceversa.

 

“Da un punto di vista sperimentale il processo avviene in questo modo – spiega Perenzoni – una sorgente di luce genera coppie di fotoni entangled con una lunghezza d’onda diversa (il colore per intendersi ndr) uno nel medio infrarosso e l’altro nel visibile, che percorrono due percorsi ottici differenti. Il primo attraversa l’oggetto da osservare e raggiunge un rivelatore, che a sua volta produce un segnale. Nell’altro ramo, il fotone visibile non interagisce con l’oggetto ma arriva direttamente a un sensore di immagine, fatto di pixel, da cui è possibile risalire alla sua posizione. A questo punto, ripetendo milioni di volte l’operazione per ciascuna coppia e correlando, grazie all’entanglement, ciascun segnale del rivelatore con la posizione sul sensore, si ricostruisce l’intera immagine dell’oggetto”.

 

In altre parole il sensore di immagine può vedere un oggetto misurando una radiazione con cui non ha interagito, per di più di “colore” diverso. Il gruppo di Fbk si occuperà proprio della realizzazione e caratterizzazione dello speciale sensore di immagine, in grado di riconoscere i singoli fotoni separatamente. Benché questo principio sia già noto, l’obiettivo del progetto è renderlo fruibile, arrivando a sviluppare un vero e proprio microscopio che agisca in “tempo reale”, e capace di acquisire un’intera immagine in meno di un secondo. Il valore aggiunto sarà la capacità di fare microscopia nel medio infrarosso, operazione che a oggi è molto complessa, aprendo la strada ad applicazioni importanti. “La microscopia infrarossa permette di indagare sulle proprietà biochimiche in modo selettivo: in prospettiva questa possibilità potrebbe essere molto utile anche nell’ambito della ricerca medica e diagnostica”, conclude Perenzoni.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 settembre - 20:13
Trovati 26 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 19 guarigioni. Sono 20 i pazienti in ospedale, di cui 1 ricoverato in [...]
Economia
16 settembre - 20:55
Dopo le parole del rettore Flavio Deflorian ora è stata  spedita al presidente della Provincia di Trento una lettera aperta in cui si [...]
Cronaca
16 settembre - 20:26
I dati pubblicati da Fondazione Gimbe confermano l'efficacia dei vaccini nel ridurre decessi (96,3%), ricoveri ordinari (93,4%) e in terapia [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato