Contenuto sponsorizzato

M49 entra in una malga e si scola una bottiglia d'olio

Diverse le baite e le malghe visitate dall'orso nella giornata di ieri. I movimenti sono stati ricostruiti dal Servizio Foreste della Pat 

Di G.Fin - 29 marzo 2020 - 13:57

BEDOLLO. Non si è fatto proprio mancare nulla l'orso M49 che nella giornata di ieri si è spostato da baita a malga alla ricerca evidentemente di cibo e creando anche diversi danni.

 

A ricostruire tutto il percorso fatto dal plantigrado è stato il Servizio Foreste e Fauna della Provincia che proprio oggi ha fatto avere al sindaco di Bedollo Francesco Fantini tutte le informazioni.

 

Il punto di partenza della ricostruzione è stato a Spruggio Basso dove l'orso con una zampata ha mandato in frantumi il vetro di una finestra senza però riuscire ad entrare. (Qui l'articolo)

Le impronte fresche sulla neve che sono state ritrovate ieri mattina dal custode forestale hanno permesso di individuare i movimenti di M49. 

 

L'orso si è portato alla malga dei cacciatori di Stramaiolo Alto. Qui, fortunatamente, sembra che il plantigrado non abbia dato problemi e non abbia danneggiato nulla.

Si è quindi poi spostato a Stramaiolo basso dove ha dato una zampata su ogni finestra del piano terra della baita senza riuscire ad aprire.

 

Ben diversa la situazione e i danni fatti invece a malga Pontara dove l'orso ha pensato di passare. Qui, secondo quanto ricostruito dal Servizio Foreste della Pat è riuscito ad aprire la porta e si è anche scolato una bottiglia di olio d'oliva che ha trovato all'interno.

 

Da lì è passato a malga Regnana dove ha lasciato le impronte sulla Porta senza però creare particolari danni. Ora, secondo gli ultimi segni raccolti, si trova in zona Redebus.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato