Contenuto sponsorizzato

M49-Papillon con una zampa in Veneto, le autorità: “Avvistato sul Carega nella zona del rifugio Fraccaroli”

La conferma arriva della Comunità Montana della Lessinia che ha diramato un comunicato mettendo in guardia allevatori e proprietari di malghe: “Adottate le misure per mettere in sicurezza il bestiame e limitare l’accesso ai bidoni dell'immondizia”

Pubblicato il - 10 aprile 2020 - 20:04

LESSINIA. Con ogni probabilità M49-Papillon metterà zampa in Veneto per la prima volta nella sua vita, la notizia è stata resa nota dalla Comunità Montana della Lessinia che ha diramato una comunicazione mettendo in guardia i proprietari di malghe, Coldiretti ma anche le associazioni ambientaliste, circa la possibile presenza del plantigrado sul territorio veneto.

 

Da quanto si apprende l’orso sarebbe stato avvistato sul Carega nella zona del Rifugio Fraccaroli e starebbe procedendo in direzione sud proprio verso il in confine con la regione Veneto. Considerando le notevoli distanze che questi animali possono percorre non sarà complicato varcare il confine.

 

L’ultimo avvistamento di M49-Papillon risale allo scorso 5 aprile quando venne individuato nel territorio del comune di Folgaria, dove aveva messo a soqquadro una malga per cercare cibo (QUI articolo).

 

La Comunità Montana della Lessinia ha messo in guardia allevatori e proprietari di malghe chiedendo di adottare le misure di sicurezza per quanto riguarda il bestiame e per limitare l’accesso a fonti di cibo di origine antropica come i bidoni dei rifiuti.

 

Come riportato dal Rapporto grandi carnivori 2019 redatto dal Servizio Foreste e fauna Pat, il 2019 è stato un anno felice per gli orsi trentini infatti non si sono registrati decessi fra i plantigradi. Stimando la presenza di un numero di nuove cucciolate comprese fra le 9 e le 12, per un totale di 16-21 cuccioli, è possibile stabilire che gli orsi presenti sul territorio provinciale sono tra gli 82 e i 93 esemplari (QUI articolo).

 

Per quanto riguarda la distribuzione dei plantigradi solo tre esemplari si sono allontanati dal Trentino: M29 e M46 in Svizzera (M29 anche in Piemonte) e M4 in Friuli-Venezia Giulia. 6 orsi invece hanno gravitato, oltre che in Trentino, anche in province limitrofe, in particolare M7, M44 e M52 in provincia di Bolzano, M19 e M38 in provincia di Sondrio e M57 in provincia di Brescia. Ora però anche M49-Papillon potrebbe aggiungersi a questa lista.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 maggio - 11:06

Il Trentino non è ancora uscito dall’emergenza sanitaria, il matematico del Cnr Sebastiani: “Lombardia, Liguria, Piemonte e la provincia di Trento, tornano a preoccupare, qui i valori dell'incidenza vanno da 1,6 a 3,4 nuovi casi al giorno per 100.000 abitanti, situazioni che andranno monitorate con attenzione”

28 maggio - 16:33

L’apertura anticipata di scuole materne e asili nido rischia di trasformarsi in un boomerang per la Pat, Ferrari: “La Giunta fa scaricabarile su Comuni e Enti gestori che si troveranno a pochi giorni dall’apertura senza avere ancora visto né regole né soldi”. Bozzarelli: “L’incompetenza non può ricadere sul futuro dei nostri figli”

28 maggio - 16:01

Senza prospettive, spiega il sindacato di via Muredei, c'è il rischio che numerosi insegnanti vadano in altre regioni provocando l'impoverimento della nostra scuola

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato