Contenuto sponsorizzato

Minaccia di morte l'ex moglie, la polizia ferma e arresta un uomo

L'uomo era stato rilasciato a luglio dopo 4 anni di carcere per la rapina a un tassista. Mercoledì si è presentato alla porta dell'ex moglie minacciandola. E' intervenuta la polizia, la donna ha dichiarato agli agenti intervenuti che, sebbene scossa e prostrata psicologicamente dal comportamento dell’ex marito, tale per cui avesse deciso di separarsi, non ha inteso denunciarlo. Si è proceduto comunque d'ufficio

Pubblicato il - 08 ottobre 2020 - 11:06

TRENTO. Sono stati momenti di paura quelli vissuti nei giorni scorsi da una donna di Trento, residente a Madonna Bianca, vittima dell'aggressività dell'ex marito.

 

L'uomo, non è nuovo alle forze dell'ordine. A luglio, infatti, era stato scarcerato dopo aver trascorso una pena detentiva di quattro anni per una rapina commessa ai danni di un tassista nel 2016. Accanto a questo, inoltre, in passato era già stato ammonito dal questore a causa di atti persecutori sempre nei confronti della compagna. Situazioni e interventi che però non sono evidentemente serviti perché il soggetto ieri è stato nuovamente arrestato in flagranza per il reato di stalking.

 

La vicenda è iniziata, come già detto, nei giorni scorsi quando l’uomo, separato dalla moglie, è andato a bussare violentemente alla porta dell’abitazione di quest’ultima. La donna impaurita dall’atteggiamento violento ed aggressivo dell’uomo, risultato, anche per sua stessa ammissione, sotto l’effetto di stupefacenti, non ha voluto aprire la porta. A questo punto l’ex marito ha inveito contro la donna e l’ha minacciata di ucciderla con un coltello.

 

La donna, sebbene spaventata, ha comunque tentato di calmare l’ex coniuge dialogando con quest’ultimo, stando dietro la porta d’ingresso della ex casa famigliare. L'aggressività dell'uomo però è aumentata e la donna ha quindi chiesto al figlio minore di chiamare la Polizia. Immediatamente, nella serata di mercoledì un equipaggio della Volante è arrivato in prossimità dell’abitazione nel quartiere Madonna Bianca. Alla vista degli agenti della Questura di Trento, l’uomo si è calmato, mostrando un’apparente tranquillità ed ha deciso di allontanarsi. L’indomani mattina, con ancor più virulenza, l'uomo è andato nuovamente sotto casa della ex moglie.

 

L’ha chiamata per telefono, minacciandola nuovamente di accoltellarla, una volta che fosse uscita per andare a lavorare e proferendo nei confronti della ex coniuge epiteti offensivi ed ingiuriosi.

 

La donna, assieme al figlio , spaventati hanno chiamato nuovamente la polizia. Sul posto sono giunti immediatamente un equipaggio della Squadra Mobile e delle Volanti della Questura di Trento che hanno bloccato lo stalker ed arrestato. La donna ha dichiarato agli agenti intervenuti che, sebbene scossa e prostrata psicologicamente dal comportamento dell’ex marito, tale per cui avesse deciso di separarsi, non ha inteso denunciarlo. Ma si è comunque proceduto d’ufficio, prescindendo dalla volontà punitiva della donna, perché l’uomo era già stato colpito da precedenti provvedimenti per fatti analoghi di atti persecutori e violenza domestica.

 

In materia di contrasto alla violenza di genere, dall’inizio dell’anno, sono stati ventotto i provvedimenti di ammonimento del Questore di Trento per violenza di genere e stalking

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 20:28

Sono 297 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi, mentre sono 38 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

 
 
20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato