Contenuto sponsorizzato

Tragedia in A22, il conducente è morto schiacciato dalle lamiere dopo lo scontro con un autoarticolato

Si è verificato un violentissimo tamponamento tra un furgone e un autoarticolato lungo la corsia di marcia. In azione la macchina dei soccorsi, ma le ferite riportate nello schianto si sono rivelate fatali

Foto di Massimo Sgurelli
Pubblicato il - 28 ottobre 2020 - 14:22

TRENTO. E' morto il conducente del furgone, vittima del terribile incidente avvenuto lungo l'autostrada del Brennero.

 

L'allerta è scattata intorno alle 13 di oggi, mercoledì 28 ottobre, sull'A22 dopo il casello di Trento Sud all'altezza di Besenello.

 

Si è verificato un violentissimo tamponamento tra un furgone e un autoarticolato lungo la corsia di marcia.

 

Dopo l'impatto il mezzo pesante ha finito per occupare la carreggiata e ostruire completamente la viabilità sulla tratta autostradale. 

 

Il furgone invece è uscito praticamente distrutto nella parte anteriore e molto deformato. Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanze, vigili del fuoco e polizia stradale. In azione anche gli addetti dell'A22 per cercare di far defluire il traffico che attualmente scorre lungo la corsia di emergenza.

 

Le forze dell'ordine hanno isolato e messo in sicurezza l'area, mentre i pompieri hanno liberato il conducente dall'abitacolo per affidarlo alle cure del personale sanitario.

 

L'equipe medica non ha però potuto far altro che constatare la morte della persona, purtroppo le ferite riportate nello schianto si sono rivelate fatali.

 

Le operazioni sono ancora in corso per la rimozione dei mezzi e la ricostruzione dell'esatta dinamica. Si registra una coda di circa 4 chilometri in direzione Rovereto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato