Contenuto sponsorizzato

Tragedia sul treno, George era di Pergine ed aveva 20 anni. E' rimasto vittima di un gioco pericoloso fatto salendo sul tetto di una carrozza

La tragedia è avvenuta ieri sera ma nessuno si è accorto di nulla. Solamente questa mattina è stato ritrovato il corpo senza vita del ragazzo 

Pubblicato il - 03 luglio 2020 - 18:51

VALBRENTA. Si chiama George Alexandru Cioban, 20 anni, di Pergine, il giovane che questa mattina è stato trovato senza vita sul tetto di un treno che si era fermato a Primolano.

 

Il ragazzo sarebbe rimasto vittima di un gioco estremo. Stiamo parlando del parkour che consiste nel tentare di superare in velocità alcuni ostacoli pericolosi attraverso dei salti.

 

Secondo quanto è stato raccolto fino ad ora, George ieri sera era in compagnia di alcuni amici e in treno da Pergine si erano diretti verso Levico. Nel rientrare il gruppo si è diviso ed è stato nel tragitto di ritorno che George, rimasto da solo, avrebbe pensato di salire sul tetto del treno per praticare parkour.

 

Qualcosa non è andato però per il verso giusto. Probabilmente un movimento sbagliato o un attimo di disattenzione ha fatto scivolare il 20enne che è andato a sbattere la testa violentemente.

 

La tragedia sarebbe avvenuta ieri sera ma nessuno si sarebbe accorto di nulla. Solamente questa mattina alcuni viaggiatori vedendo il corpo sul tetto hanno dato l'allarme.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 31 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 agosto - 19:19

Un week-end da sold out a Braies e turisti accalcati nel percorrere il sentiero che segue l'argine del lago. "Il parcheggio era praticamente pieno già molto presto, ho pagato 6 euro ma arrivata all'ingresso del percorso mi sono decisa a tornare a casa senza vedere nulla. Non ci sono le garanzie di sicurezza"

03 agosto - 18:05

Complessivamente il Trentino sale a 5.603 casi e resta a 470 decessi da inizio emergenza. Sono 5.033 i guariti. Il virologo del Cibio: "Il coronavirus non è cambiato ma abbiamo imparato a controllare la diffusione attraverso il distanziamento sociale e alle precauzioni messe in atto"

03 agosto - 18:53

Grave incidente, questo pomeriggio, sulla strada 244, in Val Badia. Nelle vicinanze di Pederoa due auto si sono scontrate frontalmente causando il ferimento di 6 persone. Tra di loro anche un bambino, gravemente lesionato e elitrasportato d'urgenza a Bolzano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato