Contenuto sponsorizzato

Tragedia sulla ferrovia, 20enne di Pergine trovato morto sul tetto di un treno. L'ipotesi di un terribile incidente durante un gioco estremo

Il corpo è stato rinvenuto nelle prime ore di questa mattina ma la morte sembra risalire alla tarda serata di ieri. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco, le forze dell'ordine e il medico legale 

Pubblicato il - 03 luglio 2020 - 15:25

VALBRENTA. E' di un ragazzo 20enne di Pergine il corpo trovato senza vita questa mattina sul tetto del treno alla stazione di Primolano.

 

L'allarme è scattato attorno alle 7 quando il treno si è fermato e alcuni viaggiatori assieme al personale delle ferrovie si sono accorti del corpo presente sul tetto di una carrozza.

 

Sul posto si sono portati immediatamente i soccorsi sanitari con il medico legale e i vigili del fuoco di Bassano. Il ragazzo era morto. In un primo momento, dalle informazioni fornite, sembrava che fosse deceduto dopo essere stato folgorato.

 

Le verifiche che sono state successivamente portate avanti e tutt'ora in corso, invece, sembrano indirizzate verso un terribile incidente avvenuto durante la pratica del parkour. Il sospetto, ancora in corso di verifica, è che il giovane saltando da un tetto di un vagone all'altro, possa aver messo male un piede scivolando e sbattendo violentemente la testa. Un impatto violento che si è rivelato fatale.

 

L'incidente sarebbe avvenuto nella tarda serata di ieri ma solo questa mattina ci si è accorti del corpo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato