Contenuto sponsorizzato

Una cerva (forse gravida) sbranata in paese, ma i responsabili non sono i lupi bensì alcuni cani della zona

È successo fra le prime case di Bellamonte in Val di Fiemme, secondo una prima ricostruzione l’animale sarebbe stato prima investito da un’automobile e poi predato da uno o più cani che probabilmente stavano inseguendo lo stesso branco di cervi

Foto scattate da Flavio Delli Zotti – Gruppo Facebook Fiemme e Fassa il ritorno del lupo
Di Tiziano Grottolo - 27 gennaio 2020 - 11:17

PREDAZZO. Una cerva parzialmente divorata proprio davanti le case del paese,è stato un residente della zona a ritrovare stamane la carcassa dell’animale. La predazione è avvenuta fra le prime case dell’abitato di Bellamonte, frazione di Predazzo in Val di Fiemme.

 

Secondo una prima ricostruzione, sul posto sono intervenuti anche i forestali per effettuare i rilievi, una femmina adulta di cervo, probabilmente gravida, è stata divorata da uno o più cani domestici. In tal senso ci sarebbero delle prove schiaccianti: a partire dai segni lasciati sulla carcassa, senza contare l’abbondante consumo di carne che di fatto esclude i piccoli animali opportunisti come la volpe.

 

Nonostante la presenza del lupo nella zona di Bellamonte e parco del Panveggio sia stata accertata, un loro attacco in questo caso è da escludere, infatti non avrebbero mai consumato la preda a ridosso delle case ma avrebbero cercato, per prima cosa, di trascinarla lontano verso il bosco dove poter consumare il pasto al sicuro. Inoltre il consumo di carne, trattandosi di lupi, è troppo limitato.

 

 

Ci sono poi alcuni testimoni che in questi giorni avrebbero segnalato alla forestale di aver visto dei cani inseguire un branco di cervi: è lecito pensare che, spaventata e in fuga, la cerva sia stata investita da un’automobile per essere poi finita, o comunque divorata, dai cani che la stavano inseguendo.

 

Episodi del genere infatti non sono nuovi: cani lasciati liberi possono gettarsi all’inseguimento degli ungulati, la tattica è quella di rincorrerli fino a sfiancarli e quindi assalirli. Nel video che vi proponiamo, gentilmente concessoci dal gruppo Facebook “Fiemme e Fassa il ritorno del lupo” e girato da un cacciatore, si vede un cane di taglia media inseguire un capriolo e solo l’intervento dell’uomo impedisce al predatore di portare a termine l’aggressione.

 

 

 

 

Le foto in questione sono state diffuse da uno dei residenti, mentre nello stesso gruppo Facebook è intervenuto “l’investitore” che ha affermato: “Quel cervo è morto perché ha centrato la mia macchina, ho provato a cercarlo e non l’ho trovato ed è andato a morire lì”. Dichiarazione questa che non cambia la sostanza dei fatti, l’esemplare in questione è stato predato da alcuni cani della zona.

 

“In questi casi – ricorda l’esperto Paolo Scarianè sempre bene mettersi subito in contato con la forestale per segnalare l’investimento senza rimuovere il mezzo, i fatti però parlano chiaro: questa notte è avvenuta una predazione nel centro del paese ciò significa che c’erano alcuni cani che si aggiravano per le vie dell’abitato senza essere custoditi”.

 

Com’è già stato ampiamente documentato non è inusuale che cani incustoditi si lancino all’inseguimento degli ungulati, “ovviamente non lo fanno per gioco – sottolinea Scarian – una volta presa l’abitudine posso sviluppare la tendenza a cercarsi il cibo da soli. Il pericolo – conclude l’esperto – è che i cervi spaventati dai cani si buttino sulla carreggiata arrivando a provocare degli incidenti stradali e coinvolgendo delle persone, proprio come avvenuto in questa situazione”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 04:01

In queste ore i vertici dell'Ordine dei medici sono scesi in campo per evidenziare preoccupazioni, riportare perplessità e criticità del sistema, ma anche proposte per migliorare la situazione in questa fase delicata della seconda ondata di Covid-19. Un settore attenzionato è quello delle Rsa

27 ottobre - 20:24

Recentemente la Pat ha modificato i criteri dell'isolamento della classe: 2 alunni per il primo ciclo dell'infanzia, 1 studente negli istituti superiori. I pediatri: "Sono decisioni politiche. I minorenni sono spesso asintomatici e pauci-sintomatici e questo è rassicurante dal punto di vista del decorso della malattia, ma comunque c'è un fattore di rischio legato alla contagiosità che poi può arrivare in famiglia"

27 ottobre - 20:09

Tra i nuovi contagiati, 146 persone presentano sintomi, 3 casi sono ricondotti alla fascia d'età 0-5 anni, 15 positivi invece tra 6-15 anni, mentre 30 infezioni riguardano gli over 70 anni. Ci sono inoltre 33 nuovi casi tra bambini e ragazzi in età scolare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato