Contenuto sponsorizzato

Una frana di 250 metri cubi di materiale sfonda le barriere e distrugge un'auto

L'allarme è scattato a Salorno e sul posto si sono portati i vigili del fuoco, il personale della Protezione civile e i geologi della Provincia. Una strada, per motivi di sicurezza, è stata chiusa fino a quando non saranno riparate le protezioni  

Pubblicato il - 06 November 2020 - 08:13

SALORNO. Momenti di paura nella tarda serata di mercoledì nella zona del castello di Haderburg a Salorno dove si è verificata una frana di circa 250 metri cubi di materiale, che si è staccata verso le ore 22:45. Immediatamente è stato dato l'allarme e sul posto si sono portati i vigili del fuoco volontari di Salorno, i tecnici provinciali del Servizio Geologia, il personale della Protezione civile.

 

(L'area da dove si è staccata la frana)

Una grossa quantità di terra e sassi è scivolata a valle, la parte maggiore è stata fermata dalle protezioni che sono riuscite a bloccare il cammino della frana facendola finire in una canalone. Il pericolo, però, è arrivato da una scarica di grossi sassi che non sono stati bloccati e sono finiti per lambire un'abitazione che si trova in via Trento a Salorno per finire poi a distruggere una tettoia sotto la quale era presente un'auto.

Il mezzo, purtroppo, è stato gran parte distrutto da un grosso masso che è piombato sulla parte anteriore. Fortunatamente, non ci sono stati feriti.

 

L'intervento dei vigili del fuoco e dei tecnici è stato immediato. La strada, l'ingresso a sud del paese, che si trova vicino alla frana, è stata chiusa e a seguito di un primo sopralluogo da parte dei geologi si è deciso che l'apertura sarà consentita nel momento in cui l'area verrà messa nuovamente in sicurezza con il ripristino delle protezioni paramassi.

Per tutta la giornata di ieri sono proseguite le verifiche sulla stabilità della roccia e la messa in ulteriore sicurezza dell'area. Sul posto è arrivato anche il sindaco di Salorno Roland Lazzeri.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 January - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato