Contenuto sponsorizzato

Un'anziana muore di Covid e i vicini le rubano 14mila euro. Denunciati un uomo e una donna grazie ad una telecamera di sicurezza

Quelli di una donna anziana ricoverata e poi morta in ospedale per Covid non si sono certo rivelati i vicini ideali. Dopo che la signora è stata portata al Santa Chiara di Trento, infatti, la coppia ha usato le chiavi di casa consegnate loro per sicurezza per entrare nell'appartamento e rubare i risparmi. Grazie ad una telecamera di sorveglianza installata dai figli, sono stati identificati e denunciati

Pubblicato il - 05 December 2020 - 11:25

TRENTO. Dalle immagini della telecamera che avevano installato nell'appartamento della madre, i due fratelli non pensavano certo di assistere ad una scena del genere. La donna era stata appena ricoverata all'ospedale Santa Chiara per Covid, dove poi, purtroppo, sarebbe deceduta, quando nell'abitazione si sono intrufolati i vicini di casa per sottrarre i beni preziosi lì contenuti.

 

Il fatto è avvenuto a Trento, con le indagini partite dalla denuncia dei figli della donna, un fratello e una sorella di 42 e 44 anni, presentatisi in questura per denunciare l'accaduto. Nell'appartamento lasciato incustodito, la telecamera di sicurezza aveva infatti “pizzicato” i due ladri, vicini di casa dell'anziana deceduta. A loro la donna aveva infatti consegnato un mazzo di chiavi per sicurezza, poi utilizzato per entrare nell'appartamento e impossessarsi del maltolto.

 

La fiducia dell'anziana, a quanto pare, è stata rimessa in mani sbagliate. I due, una donna con il suo compagno, guardia giurata, si dimostravano tutt'altro che affidabili, approfittando semmai dell'appartamento lasciato vuoto dalla signora, in gravi condizioni in ospedale. La squadra mobile, visualizzate le immagini, procedeva pertanto a perquisire l'abitazione dei 2, non rinvenendo nulla.

 

Dopo aver scoperto, però, che la guardia giurata possedeva un locale interrato in centro a Trento, gli agenti perquisivano la cantina e lì rinvenivano i 14mila euro sottratti alla signora. La somma veniva a quel punto restituita ai figli dell'anziana, nel mentre deceduta per complicazioni polmonari legate al Coronavirus.

 

I due ladri venivano invece denunciati, con la guardia giurata che subiva il ritiro dell'arma di servizio e del porto d'armi. Sarà compito del questore decidere se revocare anche il titolo dell'uomo per esercitare la professione di vigilantes.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 January - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato