Contenuto sponsorizzato

Addio a padre Franco Sartori. Parroco cembrano trasferito in Brianza, si era distinto per l'aiuto alle famiglie scappate dalle guerra del Kosovo

Padre Franco Sartori si è spento all’ospedale di Monza, dove era ricoverato da dicembre per problemi di cuore. Dal 2014 si trovava a Bovisio Masciago, in Brianza, assieme a fratel Ruggero Valentini. Impegnato come educatore e direttore all’istituto “padre Monti” di Arco, diede aiuto a diverse famiglie kosovare in fuga dalla guerra

Di Marianna Malpaga - 16 gennaio 2021 - 13:06

TRENTO. È venuto a mancare giovedì 14 gennaio padre Franco Sartori. Nato a Verla, in Val di Cembra, padre Sartori si trovava dal 2014 a Bovisio Masciago, in Brianza, assieme a fratel Ruggero Valentini, dove si dedicava alla pastorale parrocchiale. Si è spento all’ospedale di Monza, dove era ricoverato da dicembre per problemi di cuore.

 

Padre Sartori apparteneva alla congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione, istituto religioso fondato da padre Luigi Monti nel 1857 presente in 20 nazioni, nelle cui fila sono presenti molti religiosi trentini. Appartiene a quest’istituto anche padre Mariano Passerini, assieme al quale padre Sartori aiutò alcune famiglie kosovare che nel 1999 scappavano dalla guerra. Queste famiglie vennero poi accolte in Trentino, in particolare ad Arco.

 

Nel corso della sua vita padre Sartori si è occupato molto dei giovani, soprattutto all’istituto scolastico “padre Monti” di Arco, di cui è stato anche direttore. Oggi, sabato 16 gennaio, alle 15, sarà celebrata una messa nella chiesa di San Martino a Bovisio Masciago per ricordarlo. La celebrazione sarà trasmessa anche su YouTube. Il funerale, invece, si terrà lunedì 18 gennaio alle 14 nella chiesa di Santa Maria Assunta (Chiesa Collegiata) ad Arco.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato