Contenuto sponsorizzato

Lutto nel mondo della Chiesa, il Covid19 si porta via padre Giuliano Abram

Tra i suoi incarichi la presidenza di Mediagraf per 19 anni. Appassionato conoscitore delle bellezze artistiche del Santo, ideò le visite alle cupole accompagnando devoti e giornalisti

Pubblicato il - 13 January 2021 - 15:49

TRENTO. Ancora un lutto nel clero trentino per la scomparsa di Giuliano Abram, sacerdote proveniente da Trento poi trasferitosi alla Comunità religiosa del Convento del Santo a Padova.

Da diverso tempo in ospedale a causa del Covid19 padre Abram è morto a 78.

 

Le esequie saranno celebrate il 18 gennaio per permettere al fratello fra Giorgio Abram di rientrare in Italia dal Ghana dove presta il suo servizio da anni.

 

"Con lui se ne va un uomo, frate e sacerdote che ha fatto della passione per il Vangelo, sulla scia di s. Francesco e s. Antonio, la sua ragione di vita” ha affermato il rettore della basilica, padre Oliviero Svanera.

 

La Comunità religiosa del Santo e i frati della Provincia Italiana di Sant’Antonio di Padova dei frati minori conventuali del Nord Italia esprimono gratitudine al personale medico e ospedaliero del servizio di terapia intensiva dell’Ospedale S. Antonio per quanto hanno potuto fare per fra Giuliano in questi mesi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 January - 19:52
Sono 317 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 5 decessi, mentre sono 22 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività
19 January - 20:34

Il dialogo con Roma sulla classificazione dell'Alto Adige e la situazione epidemiologica sono stati temi della seduta odierna della Giunta provinciale. C'è un aumento dei pazienti in terapia intensiva. Il governatore altoatesino: "Dati stabili, ma ci sono alcuni incrementi: se questo trend dovesse essere confermato anche nei prossimi giorni dovremo adottare misure restrittive"

19 January - 18:12

La truffa, secondo le indagini portate avanti dalla Guardia di Finanza e coordinate dalla Procura di Pisa, sarebbe stata fatta emettendo fatture false per 2,9 milioni di euro in modo da far risultare il prodotto biologico ed europeo quando in realtà era scadente e addizionato con sostanze chimiche 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato