Contenuto sponsorizzato

Caso Pedri, in Parlamento la legge anti-mobbing di Conzatti. L'avvocato Tambasco: ''Norma innovativa per disinnescare situazioni che possono sfociare in tragedia''

L'avvocato di Milano ha lavorato al provvedimento depositato nel 2019 dalla senatrice trentina che ora chiederà di farlo ripartire: ''Non si deve confondere la conflittualità lavorativa che è un elemento fisiologico con gli atteggiamenti, invece, persecutori e vessatori. Mobbing e straining emergono dopo 6 mesi di lavoro: il rapporto inizia a logorarsi più o meno lentamente ma il risultato ultimo è sempre il medesimo: licenziamento o dimissioni e nei casi più estremi omicidio o suicidio"

Di Luca Andreazza - 21 June 2021 - 06:01

TRENTO. "La vicenda di Sara Pedri sembra, da quel che emerge, purtroppo, il classico caso di studio di mobbing". A dirlo è Domenico Tambasco, giuslavorista del foro di Milano. "Questi eventi sono solo la punta dell'iceberg in quanto atteggiamenti vessatori sul posto di lavoro sono sempre più diffusi. E' necessario e fondamentale prevedere una sorta di programma protezione testimoni per difendere le vittime e colpire gli aggressori". 

 

Autore con Harald Ege del libro "Il lavoro molesto", Tambasco si occupa da diversi anni di mobbing e straining. "Non si deve confondere la conflittualità lavorativa - evidenzia Tambasco - che è un elemento fisiologico con gli atteggiamenti, invece, persecutori e vessatori. I richiami di un datore di lavoro per un'attività svolta in modo negligente sono statisticamente sporadici, mentre le discriminazioni per creare condizioni sfavorevoli e nocive sono quotidiane o settimanali".

 

Bloccato in parlamento dal 2019 c'è un disegno di legge che porta la firma di Donatella Conzatti, senatrice in quota Italia Viva, che potrebbe meglio regolamentare queste situazioni. Questo provvedimento è stato costruito con il contribuito proprio di Ege e Tambasco, considerati tra i massimi esperti in questo settore del diritto. La senatrice trentina è pronta a presentare un'interrogazione parlamentare sul caso dell'ospedale Santa Chiara e per chiedere al ministero della giustizia di proporre al governo l'adozione della norma quanto prima.

 

 

"E' stata presentata praticamente 2 anni fa, il 12 giugno del 2019, una norma innovativa e rivoluzionaria - aggiunge l'avvocato - che permetterebbe di intervenire per disinnescare queste situazioni conflittuali che spesso, purtroppo, si concludono in modo tragico. Mobbing e straining emergono dopo 6 mesi di lavoro: il rapporto inizia a logorarsi più o meno lentamente ma il risultato ultimo è sempre il medesimo: licenziamento o dimissioni e nei casi più estremi omicidio o suicidio".

 

La scomparsa di Pedri sta travolgendo l'ospedale di Trento che finisce con cadenza quasi quotidiana nelle notizie di cronaca nazionale, così come nella programmazione di importanti trasmissioni come "Chi l'ha visto?". E ogni giorno emergono nuovi dettagli e un quadro inquietante per un reparto che negli ultimi anni sarebbe stato diretto in modo padronale con decine di medici costretti a lasciare e molteplici professionalità svilite. Recentemente, la direzione generale dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari ha istituito una commissione interna per effettuare ulteriori approfondimenti a proposito della sparizione della giovane ginecologa e per raccogliere notizie puntuali relative alle vessazioni denunciate dai sanitari del reparto di ginecologia dell’ospedale Santa Chiara di Trento. E mentre è fondamentale attendere l'esito delle indagini per chiarire cosa possa essere accaduto, visto che al momento si parla solo di ipotesi, l’obiettivo delle prossime settimane è quello di sentire tutto il personale dell’Unità Operativa.

 

"La maggior parte delle segnalazioni e dei casi in ambito di mobbing - dice Tambasco - arrivano proprio da contesti quali sanità e il mondo accademico, senza dimenticare il pubblico impiego. Soprattutto a livelli apicali e quindi vessazioni portate avanti all'interno di un ambiente, se vogliamo, culturalmente elevato. Si può colpire in diversi modi quali il demansionamento oppure continue pressioni fisiche e psicologiche".

 

Le condotte persecutorie comprendono elementi oggettivi e soggettivi, oltre la sensibilità di un singolo. Il demansionamento oppure il cambio di postazione, più piccola e magari decentrata, sono elementi tipici del cosiddetto straining. "Un colpo solo - continua l'avvocato - per isolare la vittima. Un modo per tagliare fuori una persona senza motivazioni, togliere la comunicazione e così discriminare qualcuno. Si creano condizioni di lavoro nocive e sfavorevoli per logorare la persona che poi viene costretta dopo un periodo più o meno lungo di resistenza a cedere e dimettersi".

 

Più continuo invece il mobbing. "Violenze fisiche e piscologiche a cadenza regolare. Ci sono schemi abbastanza prestabiliti e ogni pretesto è buono per umiliare una persona. Attenzione poi alle trappole: un datore di lavoro potrebbe creare appositamente difficoltà e contesti non favorevoli per poi attaccare il lavoratore". 

 

Solo dopo l'arrivo delle trasmissioni televisive e gli interventi dei consiglieri provinciali, i testimoni iniziano a trovare il coraggio di parlare. "E' purtroppo tipico. C'è un muro di gomma, molti per paura restano in silenzio oppure seguono un datore di lavoro e si forma un branco per evitare di finire nel mirino o subire ripercussioni a causa di denunce o prese di posizione a favore delle vittime. Si deve agire a due livelli: il primo è quello dell'educazione e della formazione, anche a scuola. Il secondo invece è quello di prevedere una legislazione moderna per proteggere le parti più deboli e punire gli aggressori. Una specie di programma di protezione per abbattere l'omertà che spesso troviamo in queste situazioni".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
31 luglio - 16:18
Ad ufficializzare la decisione una nota del presidente Fugatti nella quale spiega di aver scelto il dirigente del Dipartimento salute per le sue [...]
Cronaca
31 luglio - 13:32
Sono 27 in tutto i casi riscontrati in Provincia di Bolzano nelle ultime 24 ore con zero decessi. I tamponi effettuati, tra molecolari e [...]
Cronaca
29 luglio - 16:41
Grande malumore da parte degli esercenti per la scelta del governo di introdurre il Green Pass. Confcommercio Trentino: "È impensabile [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato