Contenuto sponsorizzato

“Chiediamo il servizio militare obbligatorio”, la proposta del presidente degli Alpini Favero all'inaugurazione del Museo sul Doss Trento

Nel giorno in cui il ministro della Difesa Lorenzo Guerini è arrivato a Trento, per un'anteprima dell'apertura al pubblico del Museo nazionale storico degli Alpini sul Doss Trento, il presidente dell'Associazione nazionale alpini Sebastiano Favero ha rilanciato l'ipotesi, molto discussa, del ritorno alla naia per i giovani italiani

Di F.S. - 18 ottobre 2021 - 19:22

TRENTO. E' arrivato anche il ministro della Difesa Lorenzo Guerini oggi (18 ottobre) per l'anteprima dell'apertura del Museo nazionale storico degli Alpini sul Doss Trent, che sarà visitabile dal pubblico, dopo i recenti lavori di ampliamento, a partire dal 4 novembre. Insieme a lui anche le autorità, dal presidente della Provincia Maurizio Fugatti al sindaco di Trento Franco Ianeselli, ma anche il comandante delle Truppe Alpini, il generale Claudio Berto e il presidente dell'Associazione nazionale Alpini Sebastiano Favero. E proprio lui, durante la cerimonia, ha rilanciato davanti al ministro Guerini l'ipotesi, da sempre molto discussa, del ritorno alla naia per i giovani italiani.

 

“Chiediamo il servizio militare obbligatorio – scrive l'Ansa riportando le dichiarazioni di Favero – a favore della patria per formare i nostri giovani in modo costruttivo, crediamo che sia la strada per un futuro migliore per la nostra Italia”. Parole che, pronunciate davanti al ministro della Difesa, non possono che suonare come una vera e propria proposta e che arrivano dopo soluzioni simili già avanzate in passato in Trentino (l'ultima del leghista Roberto Paccher Qui Articolo).

 

Nel suo intervento invece, il sindaco di Trento Franco Ianeselli ha ricordato quanto l'apertura del museo rappresenti “un regalo alla città, che ci richiama al dovere di curare al meglio il parco e il mausoleo”. Secondo il primo cittadino, per il capoluogo gli Alpini (“nati nell'ottobre del 1872, il più antico corpo di fanteria del mondo, per difendere i confini montani” rappresentano non solo “la nostra storia” ma anche il nostro presente parla di loro: degli Alpini campioni di solidarietà che durante il lockdown giravano a distribuire pasti alle famiglie in difficoltà e tablet ai bambini impegnati nella didattica a distanza” e non solo.

 

Un valore, quello dell'impegno a favore della comunità da parte degli Alpini, che ha ribadito anche il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, sottolineando l'importanza della loro vicinanza alla popolazione anche durante il lockdown e nei momenti più difficili legati alla pandemia. Nel suo intervento invece ha parlato di un “luogo della memoria” che viene restituito alla sua funzione il comandante delle Truppe Alpine Claudio Berto. La struttura dopo i lavori di ammodernamento e ampliamento, propone oggi una superficie espositiva di circa 1.700 metri quadrati rispetto ai 200 iniziali, ed è dedicata a ripercorrere la storia del corpo degli Alpini.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 7 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
08 dicembre - 15:43
Sono stati analizzati 8.506 tamponi tra molecolari e antigenici e sono state individuate 255 positività. Nessun decesso ma c'è un [...]
Cronaca
08 dicembre - 16:40
Era stato arrestato il 7 febbraio 2020 mentre si trovava in Egitto per visitare i familiari. Da 22 mesi era detenuto nelle prigioni egiziane. [...]
Politica
08 dicembre - 13:53
Manica ha confrontato le due convenzioni per i concerti di Vasco Rossi: “Mentre il Comune di Modena aveva previsto delle forme di indennizzo che [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato