Contenuto sponsorizzato

Precipita dal silos del mangime: morto sul colpo un operaio 61enne. Sul posto i carabinieri e gli ispettori del lavoro

I soccorsi sono partiti immediatamente ma quando i sanitari sono arrivati sul posto per il 61enne non c’era più nula da fare. Troppo gravi le ferite riportate nella caduta

Foto d'archivio
Di T.G. - 08 gennaio 2021 - 13:45

VERONA. L’allarme è scattato introno alle 11 di questa mattina, 8 gennaio, quando un operaio è precipitato dal silos che stava pulendo. L’incidente è avvenuto in un mangimificio in zona Ca di David, nel Comune di Verona.

 

Secondo quanto ricostruito l’uomo, un operaio italiano classe 1959, era salito sul silos per le operazioni di pulizia quando è scivolato perdendo l’equilibrio. I soccorsi sono partiti immediatamente ma quando i sanitari sono arrivati sul posto per il 61enne non c’era più nulla da fare. Troppo gravi le ferite riportate nella caduta. L’uomo è morto sul colpo.

 

Sul posto sono intervenuti i carabinieri accompagnati dagli ispettori del lavoro dello Spisal. Ora sarà necessari ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 12:13

Al gestore del bar la sanzione di 400 euro perché ha violato le disposizioni che impongono di non poter ricevere alcun cliente dopo le ore 18 all’interno del locale.  I controlli messi in campo da una task force interforze, voluta dal Questore di Trento, composta da agenti della Polizia di Stato, della Polizia Locale di Trento e della Guardia di Finanza che ha passato al setaccio i locali pubblici della città

24 gennaio - 14:33

Preoccupa che questa variante possa ridurre l'efficacia del vaccino. Dopo che i primi casi sospetti di mutazione si sono verificati nel distretto di Kitzbühel, il Tirolo ha inviato mille campioni all'Agenzia nazionale della salute “Ages” per il sequenziamento

24 gennaio - 09:44

La vicenda è iniziata nell'agosto dello scorso anno quando la ragazza si è sentita poco bene. Secondo le verifiche portate avanti dai Nas le due tac fatte alla giovane non sono state lette correttamente 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato