Contenuto sponsorizzato

Rissa in un locale, per i sei responsabili arriva il divieto di accesso al bar per due anni, l'operazione della Polizia

Si tratta di sei uomini, tra i 20 e i 37 anni, che ad agosto erano stati protagonisti di una rissa in un bar di via Galilei a Bolzano. Per loro il questore emette il "Daspo Willy". Intanto proseguono in controlli sul territorio: a Bressanone tre persone sono state denunciate per tentato furto in un centro commerciale

Pubblicato il - 04 dicembre 2023 - 18:02

BOLZANO. A fine agosto erano stati protagonisti di una violenta lite scoppiata in un bar in via Galilei a Bolzano, in zona industriale. Ora per loro, sei uomini tra i 20 e i 37 anni, arrivano altrettanti provvedimenti di Daspo urbani emessi dal questore del capoluogo altoatesino.

 

I sei, accusati di rissa, porto abusivo di oggetti atti a offendere, minaccia aggravata, oltraggio a pubblico ufficiale e rifiuto di dare indicazioni circa la propria identità, per due anni non potranno accadere al locale dove era scoppiata la rissa, ma nemmeno in altri bar e ristoranti ella zona e non potranno nemmeno stazionare nei dintorni.

 

I Divieti di accesso a pubblici esercizi o locali di pubblico intrattenimento emessi dal Questore di Bolzano sono denominati anche “Daspo Willy”. Si tratta di una misura di prevenzione che prende il nome da Willy Monteiro Duarte, un ragazzo di 21 anni picchiato a morte la notte tra il 5 e il 6 settembre 2020 a Colleferro (Roma) da altri giovani mentre tentava di difendere un amico.

 

Questa misura di prevenzione conferisce al Questore il potere di vietare l’accesso a locali di intrattenimento e pubblici servizi nei confronti di coloro che siano già noti per atti di violenza, di aggressioni e per coloro che abbiano riportato una o più denunce o una condanna non definitiva, nel corso degli ultimi tre anni, per reati di droga.

 

Intanto proseguono i controlli del territorio da parte della polizia di Bolzano, potenziati con l'avvio dei mercatini di Natale. In tutto l'Alto Adige sono state controllate 500 persone e decine di locali pubblici. Tra gli interventi effettuati, a Bressanone tre cittadini sono stati denunciati per tentato furto in un noto esercizio commerciale del centro e uno di essi è stato anche deferito in stato di libertà perché trovato in possesso di un coltello.

 

A Bolzano, invece, nel corso dei controlli un uomo di 32 anni è stato denunciato per essere stato sorpreso ai Giardini della Stazione con sette pasticche di Rivotril, un oppiaceo di cui è vietata la detenzione senza una prescrizione medica.

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 febbraio - 19:02
Le parole del vice-presidente della Comunità del Garda, Filippo Gavazzoni, mentre il Benaco raggiunge il livello di altezza idrometrica nel Garda [...]
Cronaca
28 febbraio - 20:18
Complicatissimo l'intervento dei vigili del fuoco di Madonna di Campiglio, considerato che la vettura si trovava su terreno innevato e in bilico [...]
Cronaca
28 febbraio - 19:19
Una buca di circa 40 centimetri di diametro si è aperta improvvisamente quest'oggi: la piccola rottura nell'asfalto è dovuta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato