Contenuto sponsorizzato

L'intera val di Fassa piange Antonio Zulian. "Buon viaggio tra le montagne che tanto amavi e che ti hanno visto protagonista di gesti di coraggio e grande umanità"

Il 64enne originario di Pozza di Fassa era stato per tanti anni a capo della stazione Centro Fassa del Soccorso Alpino, una delle tre che "copre" la val di Fassa, sino al 2015, anno in cui aveva rassegnato le dimissioni. Il fratello Luigi, che sino a qualche mese è stato anch'egli a capo della stazione, fa parte tutt'ora del Soccorso Alpino

Pubblicato il - 20 aprile 2024 - 16:48

POZZA DI FASSA. Dolore, cordoglio e il ricordo di un uomo che non si è mai tirato indietro, dedicando tantissimo del suo tempo ad aiutare gli altri.

 

Il giorno dopo, l'intera val di Fassa, il mondo della montagna e del soccorso alpino piangono la scomparsa di Antonio Zulian, per tutti "Tone Cuz", che venerdì sera ha perso la vita nel tragico incidente avvenuto nei boschi attorno a Soraga.

 

Sessantaquattro anni, sposato con due figlie, Antonio Zulian aveva raggiunto uno spianata alle pendici del Sass de Mesdì per tagliare la legna. Nel rientro verso casa, a bordo del suo "merlo", un mezzo agricolo con un braccio telescopico, ha probabilmente perso il controllo del mezzo che si è ribaltato ed è ruzzolato per una trentina di metri, schiantandosi contro un albero.

 

Il decesso è avvenuto sul colpo e a nulla sono valsi i tentativi dei soccorritori di strappare alla morte "Tone Cuz": tutti l'hanno riconosciuto immediatamente e molti degli operatori sopraggiunti sul luogo dell'incidente avevano condiviso con lui numerosi interventi d'emergenza.

 

Sì, perché il 64enne originario di Pozza di Fassa era stato per tanti anni a capo della stazione Centro Fassa del Soccorso Alpino, una delle tre che "copre" la val di Fassa, sino al 2015, anno in cui aveva rassegnato le dimissioni. Il fratello Luigi, che sino a qualche mese è stato anch'egli a capo della stazione, fa parte tutt'ora del Soccorso Alpino.

 

Grande cordoglio è stato espresso anche dall'Associazione Rifugi del Trentino: un altro fratello di Antonio Zulian, Stefano, gestisce da anni la "Baita Cuz", nell’area del Buffaure. "Una preghiera ti accompagni tra le montagne che tanto amavi - questo il ricordo - e che ti hanno visto protagonista di gesti di coraggio e grande umanità".


Le esequie di Antonio Zulian si terranno lunedì 22 aprile alle ore 11 presso la chiesa parrocchiale di Pozza di Fassa. 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 maggio - 21:10
Giornata di lavoro per i vigili del fuoco e per il sistema di Protezione civile in Trentino. Disagi alla viabilità tra frane e strade chiuse in [...]
Ambiente
21 maggio - 21:17
Salute e costi, inquinamento, differenziata e l'energia per il riscaldamento domestico, il confronto con Bolzano e la richiesta di attivare un [...]
Cronaca
21 maggio - 18:07
La vicenda di Forti fa emergere sempre più disparità di trattamento e dopo l'incontro in pompa magna con la premier Meloni con tanto di diretta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato