Contenuto sponsorizzato

50 Agenti all'opera, 40 persone identificate e 6 provvedimenti di espulsione

L'azione si è svolta in piazza S. Maria Maggiore, piazza Dante e alcune zone periferiche della città. Il Questore D'Ambrosio: "Non esistono zone di serie A e serie B, l'interesse è garantire la sicurezza dei cittadini"

Pubblicato il - 06 October 2016 - 13:19

TRENTO. Non conosce sosta la prevenzione alla criminalità messa in campo dalle Forze dell'ordine.

 

"I controlli di ieri proseguono nel solco di quanto già intrapreso nei giorni scorsi. L'operazione ha impiegato circa 50 agenti - riferisce Massimo D’Ambrosio, il Questore di Trento - le attività preventive e repressive della Polizia di Stato si estendono in tutta la città perchè non esistono aree di serie A o serie B come si vorrebbe far credere: cerchiamo invece di garantire l'interesse superiore di tutti i cittadini per una serena convivenza civile".

 

L'azione si è svolta cinturando piazza S. Maria Maggiore, quindi gli uomini della questura hanno controllato tutte le persone presenti nella piazza, estendendo le attività anche nella vicina piazza Dante e nelle zone periferiche della città, come ad esempio Gardolo.

 

Il risultato dell'operazione ha portato all'identificazione di circa 40 persone: 15 straniere, con 9 di questi accompagnati in questura. Dopo gli accertamenti del caso sono stati emessi 6 provvedimenti di espulsione nei confronti di cittadini extracomunitari, illegittimamente presenti sul territorio dello Stato e sono stati notificati 3 provvedimenti amministrativi.

 

Sempre nel corso della giornata inoltre, la Squadra Mobile ha arrestato un cittadino rumeno, B.A. le sue iniziali, già precedentemente condannato alla pena di reclusione di 4 mesi e 8 giorni di reclusione.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 January - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato