Contenuto sponsorizzato

A 53 anni dal disastro del Vajont

Accadeva oggi la frana che cambiò il volto della valle. Oggi una messa e una veglia itinerante accompagneranno i ricordi e la notte nel bellunese

A sinistra Longarone prima del disastro, a destra dopo l'onda di piena
Di Luca Andreazza - 09 October 2016 - 18:05

TRENTOLongarone, Pirago, Rivalta, Villanova e Faè. Un enorme boato e cinque paesi scompaiono inghiottiti dalla furia acqua. Altri borghi e paesi risultarono profondamente danneggiati o distrutti. L'orologio ferma le proprie lancette alle 22.39, è il 9 ottobre del 1963. I morti da piangere a causa della Diga del Vajont sono quasi 2.000, senza contare i lavoratori che persero la vita nella costruzione.

 

Tutto si annulla davanti alla tragedia e non dovrebbero essere necessari numeri e statistiche, ma spesso questi dati servono per rendere meglio l'idea di ciò che accadde quella notte: scivolarono dalla parete di roccia 260 milioni di metri cubici di roccia, un volume più del doppio rispetto a quello dell'acqua contenuta nell'invaso di 115 milioni metri cubici, alla velocità di 108 km/h, provocando un'onda di piena che superò di 250 metri in altezza il coronamento della diga.

 

Questo fu il risultato di un lungo percorso di omissioni, negligenze e malaffare che ignorarono inoltre diverse avvisagli di ciò che sarebbe successo per la diga del Vajont, il più grande e imponente bacino artificiale d'Europa.

 

La tragedia, solo dopo numerosi dibattiti processuali e interventi popolari, venne attribuita alla negligenza dei progettisti e della Sade, l'ente gestore dell'opera fino alla nazionalizzazione, che occultarono e coprirono la non idoneità dei versanti del bacino, in particolare la fragilità dei versanti del Monte Toc: la diga infatti era costruita su un versante in franappoggio.

 

Dopo la messa al cimitero per commemorare le vittime, questa sera dalla 21.30 alle 22.40 una veglia itinerante accompagnerà il ricordo e la notte della valle del Vajont, per non dimenticare una tragedia italiana.

 


La DIga del Vajont (foto ProLoco di Longarone)
La DIga del Vajont (foto ProLoco di Longarone)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 December - 12:20

Lo sfogo di una mamma trentina che, dopo aver rispettato tutte le direttive e le regole durante il periodo di quarantena, ora si sente presa in giro. "Credevo nell’Apss e nella Provincia, ma sono stata una povera cretina. Questa mattina i carabinieri mi volevano fare una multa da 450 euro perché risultavo essere ancora positiva, quando ho ricevuto il tampone negativo una settimana fa e sono tornata al lavoro da giorni"

05 December - 12:19

Ad intervenire sono stati gli agenti della Polizia locale della Val di Fassa. Il proprietario del camper ha tentato di ricaricare la batteria attaccando i cavi ad un lampione comunale 

05 December - 11:09

Il maltempo che si sta abbattendo sull'Alto Adige nelle ultime ore sta creando numerosi disagi. Si registrano problemi in A22 verso il Brennero per i mezzi pesanti, ma su tutto il territorio sono attivi i vigili del fuoco volontari e permanenti per auto bloccate, allagamenti e alberi schiantati a terra per il peso della neve. Oggi è "allerta rossa" e nelle prossime ore si attende un peggioramento della situazione metereologica 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato