Contenuto sponsorizzato

Addio a Giova Benedetti

Imprenditore e appassionato di calcio, si è arreso alla malattia dopo una lunga battaglia. Lascia la moglie Antonella e i piccoli Giulia e Alessio. Mercoledì 4 i funerali a Gardolo 

Giovanni Benedetti, aveva 37 anni
Di Daniele Loss - 02 gennaio 2017 - 21:14

TRENTO. Il Giova non c'è più. Ci sono i leader che alzano la voce e quelli che, invece, non hanno bisogno di parlare perché sanno trascinare con i fatti. In campo Giovanni Benedetti era uno di quelli che faceva la differenza senza bisogno di lasciarsi andare ad esultanze smodate dopo un gol (e ne ha segnati parecchi) o una vittoria.

 

Prima sui campi in erba con le maglie di Virtus (allora Nordauto) e Mezzocorona, poi sui parquet della regione con la casacca del glorioso Green Tower (di cui è stato anche vicepresidente, dopo aver segnato valanghe con la casacca oronera) si era fatto apprezzare per il suo sinistro al fulmicotone, la grande intelligenza tattica e lo spirito da lottatore.

Lo stesso che ha messo nella lotta contro un male orribile che, nella notte di Capodanno, se l'è portato via a soli 37 anni. Giovanni Benedetti non era, ovviamente, solo un calciatore, ma prima di tutto un marito e un padre amorevole e un imprenditore apprezzato e stimato dalle tantissime persone che hanno avuto a che fare con lui.

 

Dopo gli inizi come posatore a fianco del padre Mario, scomparso lo scorso anno, aveva rilevato la "Educa e Ambiente", società che si occupa delle forniture sportive e dei materiali per palestre, impianti e strutture educative. E, successivamente, assieme a diversi soci, aveva ingrandito il proprio raggio operativo, fondando la "Mondo Sport", anch'essa attiva nel campo delle forniture sportive.

 

La malattia era arrivata improvvisa e brutale nel 2005, ma il Giova non si è mai perso d'animo. Ha lottato con le unghie e con i denti, non ha perso il suo coinvolgente sorriso, comportandosi esattamente come se quel male orribile non ci fosse e non facendo mai pesare, dicasi mai, agli altri il proprio stato di salute.

 

Nell'ultimo anno la situazione si è complicata e lui, che da tempo aveva lasciato anche il lavoro, ha dovuto arrendersi ad un destino vigliacco che lo ha strappato troppo presto all'amore della moglie Antonella, dei piccoli Giulia e Alessio e dei tantissimi amici.

 

Chi scrive ha avuto la fortuna e il privilegio di condividere spogliatoio, allenamenti (in quattro anni quanti ne ha saltati? Forse un paio) e gioie sportive con il Giova, uno che parlava poco ma quando lo faceva lasciava il segno e a vent'anni aveva già la testa di un uomo maturo e responsabile. Mercoledì a Gardolo saranno in tanti a salutarlo.

 

Ciao Giova, ti sia lieve la terra.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

24 novembre - 17:31
Sono stati analizzati 2.235 tamponi, 143 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 6,4%. Il bilancio è di 194 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato