Contenuto sponsorizzato

"Attenzione, zingari in valle!!", il messaggio corre in rete e mette in allarme le Giudicarie. La polizia: "E' una bufala"

Il comandante Marchiori spiega: "In un giorno si è diffuso a macchia d'olio e in tanti ci hanno chiamato o sono venuti in centrale preoccupati. E' un falso"

Di Luca Pianesi - 05 gennaio 2017 - 11:12

TIONE. "Attenzione. Zingari in valle!!!Sono pluriricercati...". Ha inondato le Giudicarie questo messaggino in poco meno di un giorno. E' arrivato tramite Whatsapp e Facebook e ha diffuso un certo panico nel Trentino occidentale tanto da costringere la polizia di Tione a fare un contro post su Facebook con screenshot del messaggio e sopra la scritta "Bufala arrivata anche in Giudicarie". Scrivono "anche" perché da inizio anno il messaggino ha cominciato a girare a partire dalla Liguria e dal Piemonte e s'è diffuso a macchia d'olio. Il senso di precarietà e insicurezza diffuso e l'atavica paura di generici e misteriosi "Zingari" per di più "pluriricercati" hanno reso virale il messaggino che in pochi giorni è arrivato anche in Trentino.

 


 

"E' stata una cosa velocissima - conferma Carlo Marchiori comandante del Corpo di Polizia Locale delle Giudicarie - in poche ore l'sms ha cominciato a girare sui gruppi Whatsapp e sui profili Facebook ed è arrivato anche a noi, a nostri parenti. Diverse persone ci hanno chiamato in centrale, a Tione, per chiederci se era vero e qualcuno è venuto anche personalmente per chiederci se c'era da aver paura. Ovviamente a tutti diciamo 'no'. E' una bufala. Tra l'altro anche vecchia, perché ricordo che già un anno fa qualcosa del genere era circolato. Tra l'altro si fa riferimento a una targa nel messaggino e la si associa a una Renault Scenic. Falso anche quello. Abbiamo verificato e corrisponde a una vecchia Rover. Insomma tranquillizziamo i cittadini e cogliamo l'occasione per ricordare che se ci sono situazioni critiche o sospette contattate noi, le forze dell'ordine a prescindere da messaggini o catene di Whatsapp". E soprattutto: occhio alle bufale.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 gennaio - 15:19

La Valsugana è rimasta paralizzata per diverse ore a causa di un maxi-incidente che ha coinvolto 11 veicoli. Nella zona industriale di Lavis un conducente ha perso il controllo di un autocarro per finire fuori strada. In azione la macchina dei soccorsi

21 gennaio - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato