Contenuto sponsorizzato

Aveva cambiato sede da nemmeno un anno. Chiude i battenti la storica libreria Disertori di Trento

Oltre 80 anni di vita, da sempre punto di riferimento per gli appassionati di montagna, storia e territorio

Pubblicato il - 01 marzo 2017 - 17:42

TRENTO. Nemmeno un anno fa la libreria Disertori si trasferiva dalla storica sede di via Diaz a quella nuova in via Suffragio. I titolari avevano parlato di “un nuovo inizio” per una dalle librerie più antiche e conosciute della città nata dal fermento culturale trentino.

 

Non sono passati nemmeno 12 mesi ed oggi, purtroppo, i nuovi locali di via Suffragio che fino a qualche tempo fa ospitavano il negozio sono ritornati vuoti. Dopo oltre 80 anni di storia, la libreria Disertori chiude nuovamente.

 

La sua apertura avvenne dopo la prima guerra mondiale da Marcello Disertori. Nel 1976 Ulisse Marzatico diventò direttore della libreria portata avanti da Beppino Disertori assieme al padre, poi gestita dalla moglie. Tra i soci c'era anche lo zio di Ulisse, Arturo e fu proprio lui che in questa impresa mise tutto se stesso coinvolgendo diversi esponenti del panorama culturale trentino. Marzatico diede la linea alla libreria all'interno della quale, fin dall'inizio, si sono potuti trovare libri di autori locali ma anche quelli riguardanti la montagna e il territorio.


Non si sa se la nuova chiusura della Disertori sia definitiva o se in serbo ci saranno delle ulteriori sorprese. Se queste ultime non dovessero esserci sarebbe l'ennesima serranda abbassata in una zona del centro storico di Trento che da anni, con fatica, cerca di risollevarsi.  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
02 dicembre - 20:39
Dopo le rivelazioni del sindaco Finato si allungano le ombre sul progetto per il Nuovo ospedale di Cavalese. Ora Cia chiede conto del ruolo avuto [...]
Cronaca
02 dicembre - 15:54
Il Centro in via Dogana 1 ha iniziato ad accogliere le vittime di violenza dai primi anni 2000, partendo da 92 arrivando a 335 nel 2021. [...]
Cronaca
02 dicembre - 19:23
Raffaele Sollecito fu condannato in primo grado nel 2009 e poi definitivamente assolto insieme ad Amanda Knox,  per la morte di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato