Contenuto sponsorizzato

Capitale della cultura, il Comune guarda avanti. Ecco come sarà "Trento18"

Dall'impegno per la costruzione di una rete delle città europee alla riqualificazione dell'area Santa Chiara. Con lo slogan "Oltre le Mura" il Comune si prepara a celebrare il 2018

Di Giuseppe Fin - 01 February 2017 - 19:49

TRENTO. L'obiettivo è quello di guardare avanti senza disperdere i rapporti, i progetti e le tante relazioni che in questi mesi di candidatura a Capitale della cultura 2018, la città di Trento è riuscita a costruire.

A fare il punto sulla situazione è stato questa mattina il sindaco di Trento Alessandro Andreatta, assieme all'assessore alla cultura Andrea Robol e ad altri protagonisti che hanno contribuito a realizzare l'importante malloppo di progetti preparati per il 2018.

Progetti che non verranno sprecati perché l'intenzione dell'Amministrazione comunale è quella di andare avanti con “Trento18” puntando sullo slogan, non di poco conto sopratutto nel momento storico che stiamo vivendo “Oltre le mura”.

 

“Trento18 resterà per noi un punto di riferimento forte – ha spiegato il primo cittadino – e Oltre le mura sarà il filo rosso che legherà il programma che andremo a proporre. Il lavoro fatto finora e l'audizione dell'11 gennaio hanno dimostrato che siamo davvero in grado di lavorare bene insieme. Questo è un grande elemento di forza per il futuro, insieme agli anniversari significativi che riguardano la nostra terra”.

 

Il sindaco ha ricordato come il 2018 sarà un anno speciale per la nostra città, 365 giorni durante i quali si celebreranno momento davvero importanti a partire dalla fine della Prima guerra mondiale all'Adunata degli alpini. Sarà un anno in grado di rileggere anniversari cruciali, valorizzare il patrimonio artistico, promuovere talenti e creatività, dialogare con l'Europa sulle orme di un trentino straordinario come Alcide Degasperi.

 

Ovviamente il titolo di Trento capitale della Cultura è andato perso e tante cose che erano state progettate rimarranno sulla carta. Tante altre, però, non cambieranno, grazie anche ai finanziamenti provinciali, e saranno realizzate.

 

Tra gli interventi, anche quello di Francesco Nardelli, direttore del Centro Santa Chiara, che ha sottolineato come la sfida della candidatura sia stata una scelta giusta, a prescindere dall'esito: “Ora il progetto deve avere una sua continuità anche se il Ministero ha perso l'occasione di valorizzare la storia peculiare di Trento, ultima città a diventare italiana”. Marco Odorizzi, direttore della Fondazione Degasperi, ha invitato a “insistere non su quello si è perso, ma su quello che si è guadagnato”: “Siamo riusciti a costruire una interpretazione inclusiva del territorio”. Poi, guardando agli eventi di cent'anni fa, Odorizzi ha aggiunto: “Abbiamo bisogno degli anniversari, ma anche delle persone. E Degasperi è per i trentini una personalità incredibile per la capacità di guardare oltre le mura. Degasperi è un potenziale da restituire alla città e al Trentino, anche attivando la rete delle case dei padri fondatori dell'Europa di cui fa parte la Fondazione”.

Per Elda Verones, direttrice dell'Apt, la valenza turistica di questo percorso è fuori discussione: “Cultura e turismo vanno a braccetto: gli investimenti culturali in questi dieci anni si sono accompagnati alla crescita turistica”. Il rettore dell'università di Trento Paolo Collini, uno dei protagonisti dell'audizione, ha messo in luce come talvolta “il viaggio sia più importante della destinazione”. Un viaggio che, ha concluso l'assessore alla cultura Andrea Robol, ci “ha dato una visione e ci ha consentito di riappropriarci della nostra città”.

 

Ecco allora che innanzitutto, andrà avanti il piano di riqualificazione dell'area Santa Chiara, uno dei progetti di punta per quanto riguarda le opere pubbliche del dossier consegnato al Ministero della Cultura. Il tema delle Feste Vigiliane nel 2018 sarà, come previsto, Oltre le mura. In collaborazione con la Fondazione Degasperi, si lavorerà comunque alla costruzione di una rete delle città europee che hanno dato i natali ai padri dell'Europa. Prosegue anche l'iniziativa “Un libro, una città”, che porterà nel 2018 alla lettura collettiva di un romanzo italiano dell'ultimo secolo scelto dai lettori trentini.

 

Luogo di nascita di un complotto religioso come quello del Simonino, città di un Concilio che è finito in dissidio, provincia attraversata e dilaniata da un fronte di guerra giusto un secolo fa, Trento vuole essere nel 2018 la capitale dei ponti, delle alleanze culturali, del dialogo con l'Europa e il Mediterraneo, amplificando il messaggio europeista di Degasperi e proponendo itinerari contro l'intolleranza e sull'anniversario della dichiarazione dei diritti dell'uomo 1948-2018.

E ancora: protagonista con l'impero asburgico di quelli che sono stati definiti dallo scrittore Karl Kraus “gli ultimi giorni dell'umanità”, Trento è “l'ultima italiana”, l'ultima città, insieme a Trieste, a far parte dell'Italia unita: anche questa è la storia di un muro che cade (quello del fronte e della frontiera), di un nuovo inizio che ha portato all'autonomia, il cui futuro è ancora da scrivere.

 

Il marchio “Trento18” non va dunque in soffitta, ma sarà una chiave per raccontare la città, reinterpretarne un passato ricco di fascino, dare una direzione al presente.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 aprile - 19:58
Trovati 85 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 130 guarigioni. Sono 1.367 i casi attivi sul territorio provinciale
Cronaca
18 aprile - 19:42
Da domani (19 aprile) in Trentino bar e ristoranti potranno effettuare il servizio ai tavoli all’aperto dalle 5 alle 18. Ecco tutte le nuove [...]
Cronaca
18 aprile - 19:27
E' enorme il cordoglio in Trentino, così come nel mondo del miele e della ristorazione. L'imprenditore è morto all'ospedale Santa Chiara di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato