Contenuto sponsorizzato

Cercasi testimoni, un cartello sul semaforo: "Chi ha visto l'incidente in via Piave?"

Mercoledì 12 ottobre una donna è stata investita al semaforo di via Piave, angolo via Prato. Mancano testimoni: manifesti affissi sulla via

Pubblicato il - 22 ottobre 2016 - 18:50

TRENTO. Il 12 ottobre scorso, alle 11 e 55 minuti precisi, una donna è stata investita da una moto che all'angolo tra via Piave e via Giovanni a Prato attraversava l'incrocio. Un incidente grave, entrambe le persone coinvolte sono finite all'ospedale: la peggio per la signora che è tutt'ora in coma. 
 

Di chi è la colpa? Non si sa, nessuno riesce a capire se il semaforo, in quell'istante, fosse verde per la moto o per il pedone. Per questo nella zona è stato affisso un cartello, appiccicato proprio al palo del semaforo incriminato. "Hai visto l'incidente? Mancano testimoni". Segue un numero di telefono per chi potesse essere utile. 

 

Le telecamere della zona, ci spiega la figlia della signora ferita, non riescono a scorgere nel dettaglio il semaforo, a mostrare se la donna fosse o meno sulle strisce, fosse a piedi o in sella alla sua bici.

 

Non è possibile pubblicare il numero a cui rivolgersi sul web ma invitiamo chi avesse visto qualcosa a recarsi in zona, leggere l'annuncio e telefonare ai familiari della donna ferita.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 19:59

Nel rapporto odierno la Provincia specifica che sono 6 le persone con sintomi, mentre 42 sono stati individuati mediante l'attività di contact tracing. Una quindicina di casi è legata alle indagini condotte tra i raccoglitori di frutta, mentre un numero analogo invece è collegato a contagi avvenuti in ambiti familiari. Emerge anche oggi un caso legato ai cluster della filiera alimentare

01 ottobre - 18:12

Tante, brutte, immagini di serate balorde, di rifiuti abbandonati, di una città che la domenica, troppe volte, si è svegliata in queste condizioni. L'ultima volta questo weekend quando in pochissimi rispettavano le norme di sicurezza per evitare la diffusione del virus. Il comitato antidegrado: ''Sarebbe opportuno scrivere urgentemente un nuovo regolamento anche a Trento che dopo le 22 è vietato il consumo di alcolici all'esterno dei locali e le vendita stessa''

01 ottobre - 19:14

Era dai primi di luglio che non si registravano morti per Covid in provincia di Belluno. Ora i decessi totali sono 114. Otto i positivi nelle ultime 24 ore, 5 nel Cadore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato