Contenuto sponsorizzato

Cercasi testimoni, un cartello sul semaforo: "Chi ha visto l'incidente in via Piave?"

Mercoledì 12 ottobre una donna è stata investita al semaforo di via Piave, angolo via Prato. Mancano testimoni: manifesti affissi sulla via

Pubblicato il - 22 ottobre 2016 - 18:50

TRENTO. Il 12 ottobre scorso, alle 11 e 55 minuti precisi, una donna è stata investita da una moto che all'angolo tra via Piave e via Giovanni a Prato attraversava l'incrocio. Un incidente grave, entrambe le persone coinvolte sono finite all'ospedale: la peggio per la signora che è tutt'ora in coma. 
 

Di chi è la colpa? Non si sa, nessuno riesce a capire se il semaforo, in quell'istante, fosse verde per la moto o per il pedone. Per questo nella zona è stato affisso un cartello, appiccicato proprio al palo del semaforo incriminato. "Hai visto l'incidente? Mancano testimoni". Segue un numero di telefono per chi potesse essere utile. 

 

Le telecamere della zona, ci spiega la figlia della signora ferita, non riescono a scorgere nel dettaglio il semaforo, a mostrare se la donna fosse o meno sulle strisce, fosse a piedi o in sella alla sua bici.

 

Non è possibile pubblicare il numero a cui rivolgersi sul web ma invitiamo chi avesse visto qualcosa a recarsi in zona, leggere l'annuncio e telefonare ai familiari della donna ferita.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato