Contenuto sponsorizzato

Controlli stradali, per la prima volta in Trentino il prelievo della saliva direttamente su strada

L'operazione della Polizia stradale assieme all'unità sanitaria nel comune di Torbole. Sono state controllate circa 60 autovetture 

Pubblicato il - 18 luglio 2017 - 10:07

TRENTO. Nello scorso weekend, durante i servizi di controllo per il contrasto del fenomeno della guida in stato di ebbrezza alcoolica o di alterazione per l’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope, per la prima volta in provincia di Trento, è stata data attuazione di una innovativa modalità di prelievo dei liquidi biologici direttamente su strada ed al momento del controllo da parte della polizia Stradale, allo scopo di verificare la guida in stato di alterazione dovuta all’uso di sostanze stupefacenti.

 

Nella notte tra sabato 15 e domenica 16 la Polizia Stradale di Trento e di Riva del Garda, assieme al personale sanitario della Polizia di Stato, ha svolto dei controlli nel comune di Torbole sul Garda.

 

Il procedimento messo in atto per i controlli è stato il seguente: il personale della Polizia Stradale ha proceduto al fermo dei veicoli ed al controllo dello stato di ebbrezza alcolica dei conducenti mediante l’ etilometro. Tutti i conducenti positivi all’etilometro o che, dall’esame visivo, hanno fatto sorgere dubbi sulle loro condizioni psicofisiche sono stati sottoposti, al test di screening relativo all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope, mediante l’analisi di campioni di saliva, effettuato direttamente su strada e nell’immediatezza del controllo da parte del personale medico e paramedico che ha supportato le operazioni di controllo della Polizia Stradale.

 

Nei casi di positività al predetto test, il personale della Polizia Stradale ha provveduto al ritiro cautelare della patente di guida, che rimarrà sospesa per un periodo massimo di 10 giorni in attesa dell’esito dei test di verifica. Nel frattempo, infatti, nei casi di positività al test di screening stupefacenti il personale sanitario ha proceduto al prelievo di altri due campioni di saliva che saranno inviati Centro di Ricerche di Laboratorio e Tossicologia Forense della Direzione Centrale di Sanità in Roma per una più approfondita analisi di conferma e verifica; in caso di positività dell’esame di conferma la Polizia Stradale redigerà gli atti di conseguenza relativi alla violazione dell’art.187 c.d. s. (guida in stato di alterazione psicofisica per uso di sostanze stupefacenti) mentre in caso di esito negativo si procederà alla restituzione della patente all’interessato.

 

I conducenti di circa 60 autovetture sono stati sottoposti ad accertamento con etilometro e nei controlli una persona è stata risultata positiva all’esame alcoolometrico con contestuale ritiro di patente di guida. Sono state cinque le persone controllate con test di screening relativo all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope; di queste, tre sono risultate positive con contestuale ritiro cautelare in attesa analisi di conferma e verifica per giorni 10 della patente di guida

 

In totale sono state otto le infrazioni elevate tra le quali due per sospensioni di Carta circolazione per omessa revisione nei termini prescritti e cinque patenti sono state ritirate. Tra quest'ultime anche la patente di guida a neopatentato per violazione art.117 c.d.s. per essersi messo alla guida di autovettura con potenza superiore a quella consentita). In totale sono stati decurtati 10 punti. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato