Contenuto sponsorizzato

Elicottero precipitato sul Nambino, recupero riuscito. Lo Sikorsky S-64 Skycrane lo ha portato a Dimaro (Video e foto)

La prima fase, quella più complessa e spettacolare, di recupero dell'Agusta precipitato domenica è riuscita (GUARDA IL VIDEO E LA GALLERY). Ora il mezzo sarà trasportato su un camion a Mattarello

Di Luca Pianesi - 08 March 2017 - 12:16

DIMARO. Operazione compiuta. L'elicottero è stato portato a Dimaro senza intoppi e problemi. Il bel tempo ha favorito le operazioni e mega Sikorsky S-64 Skycrane, mezzo della Forestale nazionale, è riuscito a trasportare l'Agusta precipitato domenica scorsa sul Monte Nambino. L'operazione di recupero non è ancora conclusa poiché si articola in due fasi: la prima, quella già riuscita, aveva come protagonista il Sikorsky S-64 Skycrane. I piloti impegnati oggi nelle operazioni di recupero avevano effettuato ieri i sopralluoghi necessari e pianificato la missione. 

 

 

 

 

L'arrivo a Dimaro dell'elicottero Agusta Aw 139

Il grosso velivolo si è, quindi, portato a quota 2.600 metri e, dopo aver completato le operazioni di imbracatura e messa in sicurezza del mezzo, ha portato l'elicottero, che da vuoto pesa circa 50 quintali, in fondovalle a Dimaro evitando strategicamente zone abitate e paesi per evitare assembramenti di curiosi e garantire la massima sicurezza delle operazioni. 

 

Da lì, proprio in questi momenti, l'Agusta sarà caricato su un autoarticolato della Corpo permanente dei Vigili del Fuoco di Trento e proseguirà il suo viaggio verso il capoluogo con destinazione il Nucleo Elicotteri di Mattarello.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato