Contenuto sponsorizzato

Emergenza freddo, la Diocesi mette a disposizione altri 12 posti

L’apertura straordinaria viene garantita con volontari di FCS, Caritas e Croce Rossa e gli hope (utenti esperti) ai quali è chiesto di curare l’accoglienza serale e la presenza notturna

Pubblicato il - 17 gennaio 2017 - 12:23

TRENTO. Dodici nuovi posti letto per offrire un luogo caldo dove poter trascorrere la notte per chi si trova, purtroppo, all'addiaccio. A metterli a disposizione è la Diocesi di Trento che, accanto alle consuete strutture, offrirà un nuovo alloggio temporaneo con 12 posti letto, al terzo piano di una palazzina in via Endrici, al civico 27.

 

L'indicazione è arrivata dal vescovo Lauro e l’appartamento è aperto da venerdì scorso, 13 gennaio, e lo sarà fino a domenica 29 gennaio.

 

L’apertura straordinaria viene garantita con volontari di FCS, Caritas e Croce Rossa e gli hope (utenti esperti) ai quali è chiesto di curare l’accoglienza serale e la presenza notturna.

 

L'impegno della Diocesi nell'ambito della prima accoglienza attraverso Fondazione Comunità Solidale vede coinvolte ad oggi le seguenti strutture: a Trento Casa di accoglienza Bonomelli con 59 posti letto, Casa Briamasco con 13 posti, a cui si aggiungono ora i 12 di via Endrici; a Rovereto Il Portico con 38 posti, per complessivi 122 posti letto. In totale, il sistema di accoglienza provinciale si attesta sui 200 posti letto.

 

Gli orari per quanto riguarda il nuovo alloggio, sono gli stessi delle strutture analoghe già operative: accoglienza dalle ore 19.00 alle ore 22.00; uscita alla mattina alle ore 08:00. L’accesso avverrà tramite lo Sportello unico per le accoglienze, con sede a Trento in via Endrici, 27.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 05:01

Le incertezze sono enormi e probabilmente tutto resta sul tavolo, un vertice di presidente e assessore per riconoscere l'autonomia decisionale dei territori. L'unico contributo della Provincia è quello di impostare un protocollo sanitario che stabilisca le modalità di organizzazione degli eventi da firmare

23 ottobre - 09:27

Il premier Conte si è dato una settimana o dieci giorni di tempo per decidere. Si dovranno valutare gli effetti delle misure che sono state messe in campo nei giorni scorsi. Si stanno già pensando, però, nuove strette anti covid. Intanto le Regioni sulle chiusure vanno in ordine sparso 

23 ottobre - 08:50

Il governatore ha annunciato l'arrivo di una nuova ordinanza che andrà ad introdurre nuove restrizioni contro gli assembramenti.  A Belluno, intanto, in 24 ore sono state registrati ben 92 nuovi positivi e aumenta di 3 il numero dei decessi  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato