Contenuto sponsorizzato

Esplosione a New York, torna la paura

L'ordigno, nascosto in un cassonetto, ha causato almeno 29 feriti

Pubblicato il - 18 settembre 2016 - 09:54

NEW YORK. Ieri sera (le 2.30 di oggi in Italia) è esploso un ordigno nascosto in un cassonetto a Manhattan, tra la 23ma strada e la 7ma avenue nel quartiere di Chelsea, una delle zone più trafficate della città dove si trovano diverse stazioni della metropolitana e c'è un'alta concentrazione di ristoranti, supermercati e uffici. Al momento si parla di almeno 29 feriti di cui uno in gravi condizioni.

 

La Polizia di New York avrebbe ritrovato anche un secondo ordigno realizzato con una pentola a pressione, inesploso, che è stato rimosso.

 

A New York proprio in queste ore dovrebbero arrivare Barack Obama, Matteo Renzi e altri 191 capi di stato e di governo, per partecipare al summit sui rifugiati e poi all’assemblea generale dell’Onu.

 

Secondo la polizia di New York si tratterebbe di un attacco intenzionale e non di una esplosione accidentale, ma secondo il sindaco De Blasio non ci sarebbero al momento legami con il terrorismo. “E’ stato un episodio molto grave e sicuramente intenzionale - ha detto il sindaco di New York  accorso subito sul luogo dell’esplosione - ma per il momento non ci sono prove specifiche e credibili di legami con il terrorismo, né emergono minacce specifiche per la nostra città”.

 

Gli uomini della Joint terrorism task force, l'Fbi e le autorità locali, hanno avviato immediatamente le indagini. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 March - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 March - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato