Contenuto sponsorizzato

Flash mob in piazza Battisti tra musica, arte e il "cubo Caritro"

Cento performer hanno animato e vivacizzato piazza Battisti interpretando Trento e la nuova prospettiva della Fondazione Caritro che si costruisce su quattro principi: ricerca, istruzione, cultura e volontariato. Manfredi: "La Fondazione crescerà ancora"

Di Luca Andreazza - 17 September 2016 - 18:55

TRENTO. Quasi cento performer hanno animato e vivacizzato piazza Cesare Battisti interpretando Trento e la nuova prospettiva della Fondazione Caritro attraverso il flash mob: un invito inoltre ad incontrarsi, vivere il contesto urbano, lavorare in rete per una città vitale e innovativa.

 

"Abbiamo iniziato oggi un percorso, molto particolare e inserito nell'ambito di Trento Smart Week - dice Filippo Manfredi, trentacinquenne direttore generale della Fondazione Caritro -. Un'iniziativa organizzata alla fine di questa settimana dedicata all'innovazione e alla tecnologia con la finalità di far conoscere la Fondazione e il periodo di forte cambiamento che sta affrontando. La Fondazione in questo contesto è ben rappresentato dal cubo posizionato in piazza Battisti: uno sguardo della città, dei dettagli e dei luoghi nei quattro settori in cui operiamo e in cui crediamo come la ricerca, l'istruzione, la cultura e il volontariato".

 

La Fondazione Caritro ha voluto esordire in questo percorso con il flash mob e l'evento Let's meet, dove sono state tante le energie e le anime messe in campo, a partire dalle note dell'Inno alla Gioia eseguite dalla Rovereto Wind Orchestra, il flash mob curato da Impact Hub Trentino e i perfomer del Collettivo Clochart guidati da Michele Comite. Tutti hanno lavorato per realizzare il cubo condito dalle immagini realizzate dal fotografo Massimo Giovannini.

Let's meet: il flash mob in piazza Cesare Battisti

 

L'unione di queste forze hanno infatti accompagnato la nascita, pezzo dopo pezzo, di un grande cubo raffigurante nelle sue facce altrettanti scorci della città legati ad ambiti che la rappresentano: l'offerta culturale, la ricerca all'avanguardia, il sostegno delle fasce più deboli, l'istruzione e la riqualificazione urbana.

 

Caritro infatti è diventata una fondazione bancaria e sostiene 200 associazioni meritevoli del territorio, ma "il percorso è appena cominciato e abbiamo intenzione di allargare il nostro raggio d'azione. I prossimi appuntamenti sono un convegno universitario per affrontare la Grande Guerra e Cesare Battisti, appuntamento che si concluderà con la rappresentazione teatrale di Castelli (29/30 settembre), quindi il 1 ottobre "Porte Aperte alla Fondazione". A dicembre lo spettacolo "Romanzo d'infanzia" il cui incasso sarà devoluto all'Associazione Bambini di Chernobyl, mentre il nostro fiore all'occhiello è "Welfare a km zero": 250 realtà impegnati nella progettazione partecipata attraverso laboratori in un percorso volto a sostenere e rafforzare la cultura e la pratica del volontariato nella società trentina" - conclude Manfredi.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 February - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

25 February - 17:05

Ha aperto solo da due mesi ma la Silvia Biasioli Pâtisserie ha già conquistato il cuore di tantissimi amanti dei dolci. La proprietaria, da cui il nome del negozio, è una trentina di 33 anni che ha scelto di mettere da parte la laurea in ingegneria per seguire la sua passione. "In un attimo si è sparsa la voce e ho avuto la fila fuori dal negozio. A Natale ho sfornato 900 panettoni"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato