Contenuto sponsorizzato

Fugatti chiede quanti sono i richiedenti asilo espulsi dall'accoglienza. Zeni risponde: "Nel 2016 sono stati 39"

Sono 11 casi per comportamento violento, 14 casi per comportamento minaccioso, 9 casi per aver ospitato terzi senza autorizzazione, in 3 casi perché detenuti e in 2 casi per mancata partecipazione alle iniziative

Di db - 20 April 2017 - 13:07

TRENTO. Il consigliere della Lega Nord Maurizio Fugatti, nelle sue facoltà di controllo, interrogava nei mesi scorsi la Giunta provinciale per conoscere quanti fossero i richiedenti asilo espulsi dal progetto di accoglienza. Chiedeva anche se fosse vero che una volta messi alla porta, i profughi potessero girare indisturbati per il territorio senza limitazione alcuna.

 

Alle domande formalizzate ufficialmente ha risposto l'assessore competente Luca Zeni, spiegando che "le revoche delle misure di accoglienza nei confronti di richiedenti asilo disposte dal Commissario del governo per violazioni contestate nel 2016 sono state 39 e in 12 casi sono state notificate alla Questura".

 

L’assessore scrive che i provvedimenti di revoca dell’accoglienza notificati agli immigrati dalla Questura di Trentino sono stati motivati in 11 casi dal comportamento violento dimostrato con gli altri beneficiari (4 in appartamento e 7 in strutture collettive), in 14 casi per comportamento minaccioso e ingiurioso con gli operatori dell’ente gestore (2 in appartamento e 12 in strutture collettive), in 9 casi per aver ospitato terzi senza autorizzazione scritta dell’ente gestore (in appartamento), in 3 casi perché detenuti (2 in appartamento e 1 struttura collettiva), in 2 casi per mancata partecipazione alle iniziative concordate con l’ente gestore finalizzate alla gestione dell’alloggio e alla convivenza comunitaria (1 in appartamento e 1 in strutture collettive).

 

La revoca dell’accoglienza, spiega Zeni, ha effetto dal momento della sua comunicazione all'interessato. Sempre rispondendo alle domande di Fugatti, che chiedeva in particolare se è vero che, una volta espulsi dal centro di accoglienza, i richiedenti asilo vengono lasciati a piede libero, senza alcun controllo, l’assessore precisa che l'uscita degli immigrati dalle strutture per revoca dell'accoglienza, “non comporta una limitazione della libera circolazione delle persone, salvo decisione diversa dell'autorità giudiziaria”.

 

Infatti, prosegue l’assessore Zeni, “la Provincia è tenuta ad esercitare le azioni disciplinari per l’osservanza delle disposizioni che regolano l’accoglienza”, mentre “il controllo del territorio e delle persone spetta alle forze dell’ordine a fini di prevenzione e all'autorità giudiziaria per il perseguimento dei reati”.

 

Da questo punto di vista, informa Zeni, alla Provincia risulta che l’arresto è avvenuto per 3 persone, ma “il motivo non è stato formalmente comunicato”. “Dal momento dell'arresto – conclude l’assessore – la Provincia non segue più le persone per cui questa non può sapere né se sono in carcere né se sono state rilasciate”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 January - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato