Contenuto sponsorizzato

Incendio 9 auto delle Poste, il sindaco: "Atto grave, domani incontro il Commissario del Governo". I sindacati: "Sconcertante, vicini ai lavoratori"

La politica condanna l'episodio e per domani è stato fissato un incontro con il Commissario di Governo per approfondire la vicenda e il tema della sicurezza cittadini. Solidarietà a Poste Italiane anche dalle tre sigle sindacali

Pubblicato il - 08 novembre 2016 - 19:21

TRENTO. "Esprimo solidarietà a Poste Italiane per il grave atto di questa notte, evento che non possiamo fare altro che condannare. Alle 10 di mercoledì 9 novembre incontro il Commissario del Governo per entrare nel dettaglio di questa vicenda allarmante che vede Poste nel mirino. Un incontro per esaminare inoltre la sicurezza in ottica cittadina", queste le parola del sindaco Andreatta a margine della conferenza post giunta di martedì 8 novembre.

 

"Chi questa notte ha appiccato il fuoco alle vetture di Poste Italiane in via Trener ha commesso un atto estremamente grave, che crea profondo sconcerto. Non è con azioni violente che si affermano idee o si manifesta dissenso", i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil del Trentino condannano con fermezza quanto accaduto alla filiale delle poste di via Trener. "Siamo certi che le forze dell'ordine e la magistratura faranno tutto il possibile per individuare i responsabili in tempi brevi – spiegano Franco Ianeselli, Lorenzo Pomini e Walter Alotti -. In queste ore il nostro pensiero è per tutte le lavoratrici e i lavoratori delle Poste a cui va la nostra solidarietà. Non è certo facile ritornare sul proprio posto di lavoro dopo quanto accaduto, ma non ci si può permettere di lasciarsi intimidire da dimostrazioni di tale violenza”.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 marzo - 05:01

I dati si stanno invertendo anche sul quadro delle ospedalizzazioni. Grande differenza pure sulla gestione delle varianti. In provincia di Bolzano sono stati trovati 630 casi (31 di mutazione sudafricana e 220 di inglese) mentre in Trentino sono 4 i casi di inglese finora identificati 

28 febbraio - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 febbraio - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato