Contenuto sponsorizzato

La movida si sposta verso il Castello del Buonconsiglio. Riapre l'H-demia e resiste la 'storica' Scaletta

Ieri sera un migliaio di giovani hanno invaso le vie che collegano i due locali. L'H-demia ha riaperto in via dei Ventuno, a fiaco di Port'Aquila

Di Tiberio Chiari - 01 aprile 2017 - 12:39

TRENTO. Riapre l'Accademia, storico bar chiuso per sfinimento, chiuso per soffocamento. Riapre a fianco di Port'Aquila, e Trento ritrova solo quello che si era cercato di nascondere sotto il tappeto: il fatto che migliaia di giovani e studenti vogliono starsene in giro fino a tarda notte a bere, ridere, chiacchierare, fumare, in una parola semplicemente socializzare, tranquillamente, come in ogni altra città.

 

L'Accademia ha riaperto, e non lontano dall'ultima sincera roccaforte rimasta a difesa di chi ama le notti sporche e spensierate: la cara vecchia Scaletta. Così finalmente passeggiando per le vie che uniscono i due bar si ha avuto la sensazione di stare in una zona dove la movida potesse prendere una forma compiuta.

 

Tra la nuova Accademia e la vecchia Scaletta c'era un'ininterrotta, movimentata calca dove era difficile passeggiare ma divertente sostare. La “situazione” continuava poi un po' meno caotica ma comunque viva verso San Pietro inglobando pure l'Ancora e altri locali lungo le vie Santa  Maria Maddalena e Carducci.

 

Non erano decine, né centinaia, ma migliaia le persone che si  sono ritrovate ieri spontaneamente in questa zona della città che, piano piano, irradiandosi dal fulcro ideale rappresentato dal “santuario” della Scaletta, sembra stia finalmente prendendo un'accettabile fisionomia e compattezza per diventare quell'agognata “zona di locali”, che da sempre manca alla città.

 

Un posto dove uno può passare l'intera serata non relegato ad una singola posizione ma  passeggiando, sostando, variando locale, sempre circondato dalla piacevole sensazione di essere in mezzo a molta gente, tutta con la medesima volontà: svagarsi.  

 

La battaglia per il “pubblico decoro” da parte di una certa sfinita borghesia cittadina è persa in principio perché, come la serata di ieri testimonia, la voglia di fare un po' di casino è fisiologica e per reprimerla ormai, vista la presenza di una popolazione universitaria demograficamente imponente, l'unica possibilità è accettarla e far sì che si strutturi in una maniera decentemente compiuta e decorosa.

 

Il fatto che la tendenza sia quella di  concentrarsi in una zona abbastanza definita del centro, una zona che sinceramente appare un po' più abbandonata e meno curata del resto, è solo una nota positiva per tutti perché la ravviverà e non infastidirà troppo le notti sognanti o paranoiche dei più decorosi palazzi cittadini.


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

21 gennaio - 12:22

Le temperature inferiori e le deboli precipitazioni hanno dato vita al fenomeno del gelicidio, all'origine del maxi-tamponamento che nella prima mattinata ha completamente bloccato la statale della Valsugana in direzione di Trento. L'esperto di MeteoTriveneto Giampaolo Rizzonelli ne spiega il funzionamento

20 gennaio - 21:34

Dopo la distruzione del suo rifugio Pian dei Fiacconi, il gestore Guido Trevisan aveva un'idea precisa: ricostruire in armonia con la natura e l'ambiente circostante. Purtroppo c'è chi sta cercando di portargli via quel sogno. Le parole di Trevisan: "Non considero giusto sfruttare una catastrofe per perseguire interessi personali, molti pensano che sia ora di cambiare direzione e io penso che l'unica via sia quella di adattare le nostre abitudini all'ambiente"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato