Contenuto sponsorizzato

La Procura della Repubblica indaga sul Concorso della Centrale unica di Emergenza. L'ipotesi è quella di abuso d'ufficio

Il 21 giugno è stato presentato un esposto da parte di uno dei candidati. La Provincia sta restituendo le tasse di iscrizione

Di Giuseppe Fin e Donatello Baldo - 29 giugno 2017 - 10:17

TRENTO. Dopo l'inchiesta portata avanti dal quotidiano ilDolomiti e l'interrogazione del consigliere Provinciale Claudio Cia sul concorso promosso dalla Provincia di Trento per un posto a tempo indeterminato per funzionario tecnico nella nuova Centrale Unica di Emergenza, ora a muoversi è anche la Magistratura.

 

La scorsa settimana la Provincia di Trento ha deciso di annullare il concorso con una delibera per un potenziale conflitto di interesse tra la presidente della commissione Luisa Zappini e alcuni candidati. Conflitto di interesse che, come giornale, avevamo documentato il 29 maggio scorso.

 

Ora a muoversi, come già detto, è anche la Magistratura. Il procuratore capo Marco Gallina ha aperto per ora un fascicolo a carico di ignoti. L'ipotesi è quella di “abuso d'ufficio”. Non ci sono quindi al momento nomi iscritti tra gli indagati. Si starebbe però indagando anche per capire se i quesiti contenuti nelle tre buste presentate ai candidati fossero uguali, come riferito da alcuni candidati.

 

All'interno della delibera firmata dal presidente Ugo Rossi per motivare l'annullamento del concorso è stato precisato che “pur apparendo dall’esame dei verbali come l’attività della Commissione di concorso risulti priva di vizi formali e procedurali, la competente struttura ha acquisito elementi che, coordinati fra loro, configurano l’esistenza di rapporti professionali e accademici sistematici e continuativi fra la Presidente della Commissione di concorso e alcuni candidati".

 

Rapporti che "in relazione al supposto e potenziale conflitto di interesse, uniti all’effettuata riverifica degli atti prodromici alla procedura e letti alla luce degli accertamenti di cui sopra, rendono necessario in via di prudenza e autotutela disporre la non approvazione dell’operato della Commissione e l’annullamento del concorso".

 

Alla Procura, che ha aperto il fascicolo con l'ipotesi di “abuso d'ufficio”, è arrivato anche l'esposto di uno dei candidati presentato presso il palazzo di Largo Pigarelli il 21 giugno scorso in cui, descritti i fatti, si chiede alla magistratura di valutarne i profili di eventuali illeciti.

 

Sempre in questi giorni, dopo l'annullamento del concorso in data 23 giugno, i candidati stanno ricevendo da parte della Provincia, attraverso il Servizio Personale, la comunicazione per il rimborso della tassa d'iscrizione che avverrà attraverso la compilazione di un modulo da trasmettere poi entro il 14 luglio. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 20:08

Sono 211 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 38 pazienti sono in terapia intensiva. Oggi 1 decesso. Sono 87 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

26 febbraio - 18:14

Il dirigente dell'Azienda Sanitaria Pier Paolo Benetollo ha spiegato che ad oggi "Il numero di varianti che stiamo trovando è limitato''. Sono in totale quattro le mutazioni inglesi registrate fino ad oggi in Trentino 

26 febbraio - 18:02

Adesso si parte con la fase successiva. Il virologo del Cibio, Massimo Pizzato: "La prossima settimana prevediamo di proseguire con lo studio. Un migliaio di analisi in parallelo ai tamponi molecolari per verificare la sensibilità dei test salivari. Poi si parte a regime, questo step dovrebbe iniziare a metà marzo"

 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato