Contenuto sponsorizzato

Per l'accusa spostavano i pazienti dallo studio privato a quello convenzionato, truffa da 125 mila euro all'Azienda sanitaria, due dentisti indagati

Le indagini sono partite su segnalazione di quattro pazienti che hanno notato delle anomalie nella fatturazione. La segretaria deve invece rispondere per esercizio abusivo. L'ordine degli odontoiatri: "Prenderemo provvedimenti. Legge da cambiare"

Di Luca Andreazza - 21 aprile 2017 - 13:34

TRENTO. "Abbiamo chiesto ai carabinieri del Nas di Trento e all'Azienda sanitaria informazioni in merito ai nominativi dei colleghi coinvolti dall'inchiesta al fine di poter adempiere alle funzioni istituzionali, compreso l'eventuale esercizio del potere disciplinare sugli iscritti", l'ordine degli odontoiatri non resta impassibile davanti all'ipotesi di truffa perpetrata da due studi dentistici trentini per un danno stimato in 125 mila euro.

 

Secondo l'accusa i due dentisti, titolari di uno studio convenzionato con l'Azienda sanitaria e uno in un'altra valle invece configurato come privato, avrebbero truffato gli uffici di viale Verona percependo rimborsi non dovuti per pazienti 'privati' curati in regime di convenzione, attività riservata a pazienti in possesso di un Icef basso.

 

I due professionisti sono stati raggiunti dall'avviso di conclusione delle indagini firmato dal pubblico ministero Antonella Nazzaro: i due dentisti devono rispondere di falso e truffa, mentre la segretaria è indagata per favoreggiamento ed esercizio abusivo della professione, in quanto, non avendone titolo, avrebbe aiutato i dentisti in alcune sedute.

 

Le indagini sono partite su segnalazione all'Azienda sanitaria di quattro pazienti che avrebbero riscontrato delle anomalie nella fatturazione. Gli uffici di viale Verona hanno a loro volta attivato i Nas. Il quadro complessivo non riguarderebbero l'aspetto sanitario, ma una contestazione che coinvolge una sessantina di pazienti che sarebbero stati indicati come utenti dello studio convenzionato, dopo essere stati trattati però in quello privato. 

 

Questo modo di agire avrebbe inoltre consentito di attirare una maggiore clientela, che altrimenti si sarebbero potuti rivolgere a studi convenzionati più vicini, arrecando un danno da 125 mila euro. Gli indagati hanno tre settimane di tempo per chiedere di essere interrogati oppure presentare una memoria, mentre verranno svolti degli approfondimenti per verificare se si tratta di irregolarità amministrative o truffa vera e propria.    

 

"Nell'attesa - aggiunge Fausto Fiorile, presidente dell'ordine - che la magistratura svolga tutte le opportune indagini, cogliamo l'occasione per ribadire la necessità di modificare alcuni aspetti della Legge 22, che attraverso il sistema dei budget assegnati agli studi convenzionati ogni anno destina circa 5 milioni di euro. A nostro avviso è necessaria una riduzione delle spese per le cure protesiche, destinatarie negli ultimi anni di ingentissime risorse, in un'ottica di maggiore razionalizzazione che tenga in adeguata considerazione la prevenzione e le cure precoci dei pazienti in età evolutiva".

 

Recentemente l'assessore Luca Zeni, l'ordine e l'Apss hanno sottoscritto un progetto di prevenzione che si rivolge ai bimbi di seconda elementare, ma sono previste anche azioni per i ragazzi dai 4 ai 14 anni, nel quale i privati si mettono a disposizione su base volontaria per la salute dei bambini del Trentino:"Noi - conclude Fiorile - riteniamo che un’apertura per legge alla forma di assistenza indiretta che consenta a tutti i cittadini che ne abbiano diritto e che vivono distribuiti tra città e vallate, di potersi recare dal proprio dentista di fiducia senza essere vincolati nella scelta verso i dentisti convenzionati individuati dall’Azienda, potrebbe essere d'ausilio per la soluzione di molti problemi. Il primo effetto sarebbe certamente di ridurre le liste di attesa soprattutto per le cure dei pazienti in età evolutiva che molto spesso devono attendere mesi prima di effettuare terapie anche molto semplici".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 29 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 novembre - 19:00
Secondo la presidente del Comitato per la legalità e la trasparenza ed ex consigliera comunale a Rovereto, molti cittadini lamenterebbero tempi [...]
Cronaca
29 novembre - 20:00
Trovati 64 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 31 guarigioni. Sono 53 i pazienti in ospedale. Sono 836.703 le dosi di [...]
Cronaca
29 novembre - 19:02
I centri vaccinali dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari saranno aperti in via eccezionale dalle 6 alle 24 per una vera e propria [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato