Contenuto sponsorizzato

"Mi ha toccato il seno", molestie sull'autobus a Trento. L'autista si ferma e i carabinieri intervengono

E' avvenuto questa notte sulla linea 10 tra Piazza Fiera e Piazza Venezia. L'autista ha accostato il mezzo e fermato una pattuglia dei carabinieri con il clacson. I militari hanno caricato l'uomo in auto e lo hanno portato in caserma

Di G.Fin e L. Pianesi - 10 March 2017 - 11:16

TRENTO. Ancora problemi sulle linee urbane degli autobus. Questa volta ad essere presa di mira è stata una ragazza di circa vent'anni che ieri, in tarda serata, ha subito delle molestie sulla linea 10 dove stava viaggiando.

 

A spiegarci l'accaduto, terminato con l'intervento dei carabinieri, è lo stesso autista dell'autobus che ha chiesto di rimanere anonimo. "E' l'ennesimo episodio – ci spiega – che dimostra come serva intervenire per garantire maggiore sicurezza nei mezzi urbani sia per noi guidatori che per i viaggiatori". L'autobus sul quale è avvenuto il fatto è il 10, quello che va a Martignano, che è partito da piazza Dante attorno alle 23.30.

 

"Sono partito – ci spiega l'autista – e la prima fermata è stata in prossimità di Santa Maria Maggiore. Qui sono salite diverse persone e tra loro anche un ragazzo alto, di colore, abbastanza brillo. L'ho fatto salire e prima di ripartire gli ho chiesto se era tutto apposto e l'ho invitato a sedersi. Questi si è accomodato e io ho ripreso la marcia". Via Travai, Piazza Fiera, altra gente sale sul mezzo. "Poi all'altezza del tribunale sento gridare 'porco' - prosegue l'autista - 'tieni le mani a posto'. Io ho proseguito fino alla prima fermata quando all'altezza di Piazza Venezia ho accostato e una signora mi ha detto che era meglio se intervenivo in prima persona. La ragazza ha ribadito che il signore le aveva toccato il seno. Io allora ho detto a tutti di stare calmi e ho preso il telefono per chiamare i carabinieri che però ci sono passati davanti. Ho suonato il clacson e loro si sono fermati".

 

A quel punto sono intervenute le forze dell'ordine. I militari sono saliti sul mezzo e hanno fatto scendere il ragazzo caricandolo sulla loro auto. "Hanno quindi parlato con la ragazza - conclude l'autista -  e con dei testimoni e da quel che ho capito la giovane ha deciso di sporgere denuncia. Per noi è davvero difficile operare in certi contesti. Siamo tra l'incudine e il martello. Il ragazzo era alticcio ma cosa avrei dovuto fare? Non farlo salire e dare il via a una litigata magari pericolosa anche per i passeggeri. Noi facciamo il nostro lavoro che è già faticoso e impegnativo. Non possiamo anche ritrovarci a gestire certe situazioni".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 January - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 January - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

20 January - 19:12

Nell'ultimo confronto Stato-Regioni si è parlato dei tagli della Pfizer nella fornitura dei vaccini: "Abbiamo manifestato il nostro sconcerto". Un altro argomento è stato quello dei ristori. "Auspichiamo che il governo in carica sappia rispettare gli accordi presi con le categorie economiche. Non ci sono ancora garanzie e questo ci preoccupa". Il punto sui test salivari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato