Contenuto sponsorizzato

Missionario buddista finge l'approvazione del parroco per raccogliere soldi. Don Fava: " Da parte mia nessuna autorizzazione"

E' stata avvisata la polizia locale Valle del Chiese. Il sindaco di Storo Luca Turinelli: "segnalare ulteriori presenze"

Pubblicato il - 22 settembre 2017 - 11:51

STORO. Un sedicente missionario buddista starebbe girando l'abitato di Storo chiedendo dei soldi per una non meglio precisata missione. Una richiesta e un modo di fare che hanno subito insospettito gli abitanti che nella giornata di ieri hanno avvisato il comando di Polizia locale Valle del Chiese e il Comune di Storo.


Secondo quanto riferiscono le persone che l'hanno incontrato, l'uomo starebbe anche millandando l'approvazione del parroco. Cosa che invece non sembra essere avvenuta.

 

“Ci siamo parlati solamente - ci spiega don Andrea Fava – e, anche se forse non dovevo, gli ho dato un'offerta come se fosse una persona bisogna. Da parte mia non c'è alcuna approvazione ed infatti sto avvisando tutti gli gli anziani”.

 

La polizia locale Valle del Chiese, nel caso ci fossero ulteriori segnalazioni, cercherà di individuare la persona. Intanto, il Comune di Storo, attraverso la propria pagina Facebook invita i cittadini a far attenzione e di “segnalare ulteriori presenze che dovessero verificarsi nei prossimi giorni”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

27 febbraio - 17:44

Dei nuovi positivi, 6 hanno tra 0-2 anni, 11 tra 3-5 anni, 24 tra 6-10 anni, 8 tra 11-13 anni, 19 tra 14-19 anni e 49 di 70 e più anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato