Contenuto sponsorizzato

"No al cellulare per le guardie mediche"

La denuncia da parte della Cisl medici 

Pubblicato il - 02 novembre 2016 - 17:55

“Gravissime azioni contro l’attività delle guardie mediche sul territorio”, a denunciarlo è Nicola Paoli, segretario generale Cisl medici del Trentino in merito “all'imposizione” fatta dall'Azienda sanitaria di un cellulare di servizio. Una denuncia che avviene proprio nel giorno in cui sono scattati i tagli al settore.

 

Secondo quanto riferito da titolari di guardia presenti all’incontro presso il Distretto di Cavalese – ha spiegato Paoli - in barba al contratto provinciale e nazionale delle guardie mediche, che prevede un accordo sindacale tra le parti, l’Azienda sta cercando di imporre alle stesse, ignare di tutto, un cellulare di servizio attualmente in uso agli operatori del servizio emergenza e urgenza, che nulla attiene con l’attività delle guardie”.

 

Nella delibera 963 del 2015 la Provincia, spiegano dalla Cisl, ha deciso che per le guardie deve funzionare solo il numero specifico 116117. Il sistema che verrebbe ora adottato, invece, “il numero a cui fanno riferimento i cittadini è un numero privato con il prefisso della provincia di Trento che viene commutato sul 118 che a sua volta interpella direttamente un numero di cellulare a cui dovrebbero ,senza alcuna tutela,rispondere le guardie”.

 

I sindacati, però, preferiscono che il medico rientri in sede prima di essere nuovamente chiamato e reputano, a difesa del medico, necessaria la segreteria telefonica che così verrebbe invece tolta dalla sede di guardia.

 

“Queste decisioni che impongono modalità di funzionamento della guardia medica difforme dal contratto nazionale e provinciale senza fare gli accordi sindacali previsti per tali funzioni – spiega la Cisl - determinano la condotta antisindacale e sono illeciti e saranno da noi perseguiti in ogni sede”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 13:10

Dopo quanto accaduto a Ischgl tra febbraio e marzo il cancelliere austriaco ha annunciato una serie di misure che si applicheranno questa stagione sulle piste. Mascherine in funivia, distanza di un metro gruppi di massimo 10 persone per le scuole di sci

24 settembre - 10:46

Era stato ricoverato al Negrar. Sono sopraggiunte delle complicanze a seguito della caduta e così è deceduto. Nell'incidente si era ferita anche la figlia di 40 anni

24 settembre - 11:50

Al ballottaggio ci sono l'ex sindaco e l'imprenditore Zanin. Decisivo diventa quel 13% che è stato preso dal candidato dell'Svp che, per ovvi motivi, non può imparentarsi con ultra nazionalisti e figure vicine all'ultra destra. Intanto i nostalgici di Casapound salutano il consiglio: '' Siamo i fantasmi di una guerra che non abbiamo fatto, ma siamo i guerrieri di una pace durata troppo a lungo. Ancora qui ci ritroverete tra mille anni e mille anni ancora''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato