Contenuto sponsorizzato

Nuovi alberi in via Zanella a Trento

Negli scorsi mesi i lavori di riqualificazione della via e lo sradicamento delle piante avevano fatto nascere numerose critiche

Pubblicato il - 18 ottobre 2016 - 12:04

TRENTO. Gli scorsi mesi si era parlato di “strage di alberi” in via Zanella. L'area era stata interessata da un intervento di «riqualificazione urbana e valorizzazione» con l'obiettivo di realizzare nuovi marciapiedi che separano fisicamente i parcheggi dai pedoni.

 

L'eliminazione degli alberi  aveva creato molte critiche e ad esprimere il proprio disappunto era stata anche Legambiente.

 

Oggi, a qualche mese di distanza e con i lavori finiti, in via Zanella sono iniziati i lavori per la collocazione di nuovi alberi. Si tratta di 17 magnolie grandiflora gallisoniensis sempreverdi ad alto fusto - attualmente alte due metri e mezzo – che sono di facile gestione per quanto riguarda la potatura ma, soprattutto, che garantiscono lo stesso abbattimento dell'inquinamento di quelle – più grandi – che dimoravano prima nella via che porta alla facoltà di Lettere.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 12:45

L’affluenza nazionale nei comuni chiamati al voto, all’appello di mezzogiorno, supera di poco il 15% (in provincia di Bolzano è intorno al 14,9%, il Trentino non pervenuto). Per il referendum hanno votato il 12,3% degli italiani

20 settembre - 11:41

I tamponi analizzati sono 1530. I pazienti covid19 ricoverati in ospedale sono 16 e a questi si aggiunge una persona che si trova in terapia intensiva 

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato