Contenuto sponsorizzato

Nuovi smartphone per la Polizia Locale. Permetteranno di fare foto da collegare alle sanzioni

Sono circa ottanta i nuovi smartphone (noleggiati) in dotazione agli agenti. Il software e l'utilizzo del server, inclusa l'assistenza e la manutenzione del programma per tre anni, con gli adattamenti richiesti, è costato circa 13 mila euro

Pubblicato il - 18 October 2016 - 12:38

Gli agenti della Polizia Locale di Trento sono stati muniti di un nuovo “smartphone con funzioni avanzate”. Si tratta di un nuovo strumento fornito agli agenti affinché possano svolgere il proprio compito nel migliore dei modi stando al passo con la tecnologia. "Questo nuovo supporto dato agli agenti - ha affermato il comandante Lino Giacomoni - sarà utile per una maggiore correttezza negli accertamenti e per una comunicazione più veloce dei dati. Senza contare la possibilità di avere a portata di mano diverse banche dati". 

 

Nel corso degli anni si è passati gradualmente dalla compilazione manuale del bollettario cartaceo per la contestazione delle violazioni amministrative, peraltro ancora in uso, ad un dispositivo elettronico tipo “computer palmare”.

 

Dal 1° ottobre 2016, invece, tutti gli agenti operanti sul territorio sono dotati di smartphone di ultima generazione da cinque pollici che viene usato in via principale per la compilazione di preavvisi di accertamento e verbali di contestazione alle norme del codice della strada. Sullo smartphone è stato installato un software android, fornito dalla ditta che si è aggiudicata la fornitura, che consente la compilazione dei documenti e la stampa su carta termica con stampanti collegate tramite bluetooth. Il nuovo applicativo viene utilizzato anche nei Comuni associati (Aldeno, Cimone e Garniga Terme) e dà la possibilità all'operatore di scegliere il Comune dove presta servizio.

 

Il telefono è inoltre dotato di scheda sim dati da 4 gigabyte che consente l'invio automatico dei dati al server dedicato della ditta His21 attraverso il quale Trentino Riscossioni, attuale gestore delle violazioni amministrative, scarica le sanzioni nel proprio applicativo, procede alla stampa e all'invio dei verbali e registra i dati per il controllo delle fasi successive alla notifica (pagamenti, risorsi, decurtazione punti patente, ...).

 

Il nuovo smartphone, inoltre è dotato di una fotocamera da 13 megapixel e potrà essere usato per scattare foto inerenti ad esempio incidenti stradali, depositi rifiuti, condizioni delle strade, della segnaletica. Il software offre inoltre la possibilità di scattare per ogni sanzione effettuata fino a un massimo di tre fotografie, che vengono automaticamente collegate alla sanzione.

 

Tramite l'applicativo è possibile inoltre compilare permessi di guida, verbali di vario genere (fermo, sequestro amministrativo, rimozione coattiva, …) e collegarsi a banche dati gratuite per il controllo di assicurazioni e revisioni. Sarà inoltre possibili nei prossimi mesi implementare i dispositivi con numerose funzioni altre funzioni.

 

Il software e l'utilizzo del server, inclusa l'assistenza e la manutenzione del programma per tre anni, con gli adattamenti richiesti, è costata circa 13 mila euro. Gli apparecchi sono stati noleggiati tramite convenzione Consip.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 February - 11:55

Secondo la fondazione Gimbe, nella settimana che va dal 17 al 23 febbraio, la Provincia di Trento ha registrato un incremento percentuale dei casi totali di contagio da SARS-CoV-2 del 5,6%. Nel frattempo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie conferma la zona “rosso scuro”

25 February - 10:39

Una situazione che si è presentata diverse volte in questi primi giorni di apertura, alternandosi ad altri momenti in cui il via vai di persone è stato più rapido. In generale però gli anziani che attendono di sentire il loro nome per entrare nel capannone sono costretti ad aspettare all'esterno (alcuni seduti, molti in piedi), causando non poche difficoltà

24 February - 19:51

L'iniziativa è partita da un progetto lanciato dal Centro Servizi Volontariato che ha poi visto coinvolti Lilt e Hospice. Protagonisti gli studenti del Centro Moda Canossa, l'istituto Vittoria e gli Artigianelli. Sono stati progettati delle felpe e dei borselli per diversi usi che verranno donati ai giovani malati di cancro

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato