Contenuto sponsorizzato

Paura in centro storico, si staccano gli scuri per il vento. Nessun ferito

E' successo intorno alle 18.30 in via Mazzini. I vigili del fuoco e la polizia locale sono intervenuti per mettere in sicurezza l'area

Pubblicato il - 18 aprile 2017 - 18:52

TRENTO. Un grosso spavento ma fortunatamente nessuno si è fatto male. Gli scuri delle finestre di un palazzo in via Mazzini intorno alle 18.30 sono precipitate sul marciapiede a causa del forte vento, senza però per fortuna colpire nessuno, nonostante i numerosi esercizi aperti e i pedoni in passeggiata. 

 

Immediatamente sul posto sono giunti la polizia locale e i vigili del fuoco che con l'autoscala hanno tempestivamente messo in sicurezza l'area, rimosso gli scuri caduti e fissato quelli pericolanti.

 

"Sono diverse le telefonate che riceviamo a causa delle forti raffiche di vento - confermano dalla centrale operativa dei vigili del fuoco -. Le segnalazioni avvengono in tutto il Trentino in particolare per la presenza di rami e scuri che si staccano dalle finestre. Gli interventi fin'ora sono stati veloci e la problematica è stata risolta nel minor tempo possibile".


 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato