Contenuto sponsorizzato

Profughi, nuovi arrivi a Trento. In 50 accolti in via al Desert nelle strutture di prima accoglienza

Sono giovani dai 20 ai 25 anni. Tra di loro un migrante che è stato colpito, una decina di giorni fa, da diverse schegge di un proiettile di arma da fuoco che lo hanno raggiunto al ginocchio, alla coscia e all'addome. 

Pubblicato il - 29 giugno 2017 - 11:34

TRENTO. Sono cinquanta i profughi che sono arrivati in Trentino tra ieri sera e questa mattina.

 

Il primo gruppo è arrivato ieri poco dopo le 22. I migranti sono originari di Costa d'Avorio, Sierra Leone, Senegal, Guinea, Niger, Eritrea, Nigeria, Mali e Bangladesh. Il secondo pullman è arrivato stamane verso le 8 e  anche in questo caso si tratta di venticinque migranti di cui 23 subsahariani (originari di Mali, Liberia, Guinea, Isole Comore, Costa d'Avorio e Senegal) e 2 egiziani.

 

Cinquanta profughi arrivati nelle ultime ore in Trentino

Sono giovani stremati, senza scarpe e con pochissimi indumenti. La loro età si aggira fra i 20 e i 25 anni e sono partiti nella giornata di ieri da Catania e da Vibo Valentia. Sono sbarcati sulle coste italiane martedì scorso dopo essere stati soccorsi nel Mediterraneo mentre si trovavano sulle cosiddette “carrette del mare”.

 

Il loro viaggio in mare è partito dalla Libia, dove un migrante (senegalese di origine) fra i profughi arrivati nelle ultime ore a Trento è stato colpito, una decina di giorni fa, da diverse schegge di un proiettile di arma da fuoco che lo hanno raggiunto al ginocchio, alla coscia e all'addome. Ora il giovane migrante zoppica vistosamente, ma già in Sicilia ha potuto ricevere le prime adeguate cure.

Come da procedura, i nuovi profughi che sono arrivati sul territorio sono stati accolti all'hub di via al Desert. Gli sono state fornite delle calzature, degli indumenti e alcuni articoli di prima necessità. Dopo un pasto caldo, i profughi hanno trovato posto nei prefabbricati della pronta accoglienza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 20:03
Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 4 decessi. Sono 84 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
06 marzo - 20:03

L'estate scorsa ci sono voluti 40 giorni in più rispetto agli altri anni per dare semaforo verde a questo servizio fondamentale e in quel lasso di tempo erano, purtroppo, morte affogate nei laghi trentini quattro persone. Questa volta si è giocato in anticipo, già disposto il dislocamento estivo dei sub direttamente all'eliporto Caproni

06 marzo - 15:14

Ha preso avvio il progetto pilota per effettuare l'autotest nasale nelle scuole primarie altoatesine. Dopo il no della Ripartizione italiana, sono state 11 le strutture che hanno preso parte, con 1145 bambini su 1673 testati, di cui 3 risultati positivi. L'assessore alla Salute Thomas Widmann: "Il metodo sembra funzionare"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato