Contenuto sponsorizzato

Sagra della ciuiga, un presidio Slow Food e un unico produttore rimasto

La produzione del salume di San Lorenzo in Banale oggi è molto limitata ed è mantenuta in vita dalla Famiglia Cooperativa  Brenta – Paganella

Foto Pro Loco
Pubblicato il - 24 ottobre 2016 - 11:37

Un salume davvero speciale, unico in Italia, nato alla fine del 1800 in un momento di crisi e di povertà. Oggi presidio Slow Food. Stiamo parlando della ciuìga prodotta a San Lorenzo in Banale che sarà festeggiata dal 29 ottobre al 1 novembre con una vera e propria “sagra” folkloristica ambientata nell'antico borgo con la quale si vuole celebrare la tradizione di questo salume fatto con le rape.

 

La storia della ciuiga risale all'incirca al 1875, quando fu per la prima volta prodotta da un macellaio di San Lorenzo in Banale che ha unito la carne di maiale con le rape bianche cotte e tritate dandogli poi una forma piccola e allungata, che assomiglia alla pigna della conifera, in dialetto appunto “ciuiga”.

 

Negli anni in cui fu inventato questo nuovo salume la situazione economica in queste aree, come già detto, non era tra le migliori e di conseguenza le carni più pregiate del maiale venivano vendute per racimolare qualche soldo mentre la carne che rimaneva veniva riutilizzata per prodotti ad uso privato tra i quali proprio la ciuiga. La sua produzione oggi è molto limitata ed è mantenuta in vita da un unico produttore Slow Food di San Lorenzo: la Famiglia Cooperativa Brenta – Paganella.

“L'unica ciuiga che si trova in vendita è prodotta da noi – ci spiega il direttore Nerio Donini – ma la tradizione è ancora forte nelle famiglie di questo borgo e molti la producono in casa per consumo privato. Noi abbiamo iniziato a produrla agli inizi degli anni '80”. Oggi è diventata un prodotto di nicchia “soprattutto – ci spiega Donini – per i metodi di lavorazione. La produzione è appena iniziata, essendo legata alle rape, e proseguirà fino a Pasqua.

Ogni anno vengono prodotti in media 75 quintali di ciuiga” Sono in molti, anche da fuori regione, che colgono l'occasione di visitare San Lorenzo in Banale, uno dei borghi più belli d'Italia, per assaggiare questo speciale salume che continua ad essere prodotto seguendo la ricetta tradizionale ma con l'utilizzo di una carne di qualità decisamente migliore. Nei quattro giorni della “Sagra della Ciuìga” gli appuntamenti sono moltissimi e per gli amanti del buon cibo, ovviamente, l'appuntamento è da non perdere.

 

Un appuntamento speciale si avrà sabato 29 ottobre con la cena inaugurale dove la ciuiga sarà interpretata dagli chef di San Lorenzo in Banale Cristian Spagnolo, Simone Demarco, Massimo Bosetti, Simone Margonari e Davide Mattioli. Nei giorni successivi ci saranno momenti di musica popolare, giochi per bambini, la fabbrica del pane, ma anche un gemellaggio molto particolare tra Slow Food. Quest'anno infatti la ciuiga trentina verrà servita con il Gialet veneto, il fagiolo tipico della Valbelluna la cui produzione è iniziata ad inizio del 1900. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato