Contenuto sponsorizzato

Scontri al Brennero, arrivano le prime denunce

I capi d'imputazione sono  'manifestazione non autorizzata', 'interruzione di pubblico servizio' e 'travisamento in volto'. Questo il risultato delle indagini di polizia per identificare i manifestanti presenti al confine contro il ripristino dei controlli e il posizionamento della barriera anti-migranti dell'Austria

Di Luca Andreazza - 25 gennaio 2017 - 18:38

TRENTO. I capi d'imputazione che emergono sono 'manifestazione non autorizzata', 'interruzione di pubblico servizio' e 'travisamento in volto'. Si sono chiuse le indagini e sono stati emessi i primi decreti di condanna per gli scontri al Brennero del maggio scorso, quando circa 500 persone si sono riversate al confine fra Italia e Austria per protestare contro la ventilata ipotesi austriaca di ripristinare i controlli e posizionare le barriere metalliche anti-migranti.

 

Il 7 maggio il Brennero ha vissuto un pomeriggio di forte tensione e ore di scontri al grido 'Abbattiamo le barriere'. La cronaca ha visto un violento contatto fra la polizia e i manifestanti, provenienti anche da Germania, Austria, Spagna e Grecia.

 

I disordini dell'ala più violenta si sono quindi spostati: prima hanno bloccato i binari della ferrovia nei pressi della stazione e poi l'autostrada che corre parallela.

 

La pressione delle forze dell'ordine aveva infine permesso lo sgombero delle vie di comunicazione, mentre i manifestanti erano arretrati sulla statale, prima del rompete le righe.

 

Il bilancio nell'immediato parlava di alcuni manifestanti e 18 agenti feriti, nessuno in modo grave, un'auto della polizia distrutta, cinque contestatori, tutti italiani, arrestati e nove fermi. Il lavoro della polizia però non si è fermato e gli sforzi delle forze dell'ordine si sono concentrati per identificare tutte le persone presenti quel giorno al Brennero. Una quindicina gli interessati dei capi d'imputazione, risultato delle indagini di questi mesi. 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato