Contenuto sponsorizzato

Segni di taglio e perdita di sangue, incastrati dai video e dalle analisi dei Ris di Parma

Lunedì 6 marzo i due uomini, pluripregiudicati, sono stati fermati dalle forze dell'ordine insospettiti dai tagli alle mani. La merce rubata da un negozio e da tre auto è stata restituita ai legittimi proprietari

Pubblicato il - 07 March 2017 - 18:17

TRENTO. Nel corso di specifici controlli per contrastare episodi predatori, una pattuglia dei carabinieri ha fermato lunedì 6 marzo, due giovani marocchini, pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, che sono stati denunciati in stato di libertà.

 

Le forze dell'ordine hanno identificato le due persone, insospettiti dagli evidenti segni di taglio ad una mano con perdita di sangue da parte di un uomo. L’acquisizione delle  immagini video hanno inoltre permesso agli inquirenti di attribuire ai due denunciati la responsabilità dei quattro furti denunciati (uno in un colorificio del centro, e tre furti su autovetture avvenute in via Maccani). Oltre a procedere attraverso gli accertamenti di rito, gli uomini sono stati sottoposti anche all’acquisizione di materiale ematico per la successiva comparazione con quello trovato sul luogo dei furti a cura del  Ris di Parma.

 

La merce rubata è stata recuperata e riconsegnata ai legittimi proprietari: i due uomini di 21 e 23 anni dovranno rispondere all’Autorità Giudiziaria del reato di furto aggravato in concorso presso negozio, mentre solo il 21enne è stato deferito anche per i furti su auto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 January - 17:31

Il rifugio Boz rientra all’interno del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, a 1718 metri di quota, nel gruppo montuoso del Cimonega, tra le Vette Feltrine. Le ultime domande potranno essere inviate entro il 23 gennaio 2021. Ecco tutte le informazioni

21 January - 12:54

“Chiediamo un intervento rapido da parte dei politici, affinché lo scialpinismo venga ammesso come sport individuale sulle piste, senza che gli sportivi debbano temere sanzioni e che gli impiantisti siano ritenuti responsabili di eventuali infortuni”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato