Contenuto sponsorizzato

In Trentino 18.000 donatori, oltre 2.000 sono nuovi

Approvato il Piano provinciale Sangue 2016-2018. Zeni: "Raggiunta e consolidata l'autosufficienza nella raccolta di sangue ed emoderivati. Punto di riferimento anche per altre Regioni". Confermato il protocollo d'intesa fra Provincia, Università di Trento e di Verona per i corsi sanitari

L'assessore Luca Zeni festeggia l'importante traguardo sulle donazioni in Trentino
Pubblicato il - 07 October 2016 - 21:12

TRENTO. Approvato oggi dalla giunta provinciale il Piano provinciale Sangue 2016-2018, il programma che detta le linee guida dei servizi trasfusionali e stabilisce gli obiettivi riguardanti l'autosufficienza del sangue a livello provinciale e la sicurezza trasfusionale. Le donazioni nel concreto sono passate da 23.537 donazioni di sangue intero e 7.560 kg di plasma raccolto nel 2013 alle 25.707 donazioni e ai 7.970 kg di plasma raccolto nel 2015.

 

Anche i donatori sono aumentati passando da 17.059 nel 2013 ai 18.044 nel 2015: 13.311 gli uomini, 4.733 le donne e 2.053 i nuovi donatori, quest'ultimo rappresenta un +10%. 

 

Sono infine aumentate in modo netto le donazioni a favore di altre Regioni: se nel 2013 le cessioni a favore di Lazio e Toscana sono state 446, nel 2015 sono state 5.085 per Lazio, Alto Adige, Toscana e Umbria. 

"Non solo abbiamo ormai raggiunto e consolidato l'autosufficienza nella raccolta di sangue ed emoderivati - comunica l'assessore - ma riusciamo a garantire importanti cessioni di emazie alle altre Regioni, un dato peraltro aumentato in modo esponenziale dal 2013. In Trentino la situazione è ottimale, tra l'altro nell'ultimo triennio è stato garantito l'arruolamento di nuovi donatori, assicurando in questo modo un ricambio generazionale. E questo grazie soprattutto al lavoro capillare delle associazioni di donatori, inserite nel tessuto sociale del nostro territorio. Anche questo Piano, in sostanza, è frutto di un lavoro coordinato, di una rete fra diversi soggetti, l'assessorato, l'Azienda sanitaria e le stesse associazioni".

 

Risultato che ben si sposa con l'approvazione del nuovo protocollo riguardante i corsi sanitari in ambito provinciale. "Continuiamo una collaborazione importante - spiega l'assessore Luca Zeni - fra la Provincia di Trento, l'Università di Trento e di Verona per la formazione in ambito locale dei laureati nelle professioni sanitarie (i corsi di laurea in 'infermieristica' e 'tecniche della prevenzione sul lavoro' a Trento, mentre 'fisioterapia', 'igiene dentale' e 'tecnica della riabilitazione psichiatrica' al polo di Rovereto ndr)".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 15:17

La denuncia della referente case di riposo, Piersanti: ''La struttura ha solo 10 posti letto accreditati come posti di sollievo a minore intensità assistenziale, gli altri sono sul libero mercato. Quindi solo per i 10 va rispettato il parametro assistenziale con le regole delle Rsa pubbliche''. A Mori si sono negativizzati 6 dei 14 ospiti positivi prima di venerdì

02 December - 16:25

Grande lutto nella comunità trentina e nel ciclismo italiano per la perdita di Moser, capostipite di una famiglia che ha scritto pagine importanti delle due ruote a livello internazionale

02 December - 13:31

L'ordine degli Infermieri ha scritto una lettera al presidente Fugatti e all'assessora Segnana chiedendo interventi concreti "Per mettere nelle condizioni giuridiche e deontologiche di poter continuare a garantire l’assistenza nel miglior interesse del cittadino e per valorizzare le competenze degli infermieri". Anche negli scorsi mesi l'Opi ha scritto alla Provincia sottolineando alcune preoccupazioni. Non è però mai arrivata una risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato