Contenuto sponsorizzato

In Trentino 18.000 donatori, oltre 2.000 sono nuovi

Approvato il Piano provinciale Sangue 2016-2018. Zeni: "Raggiunta e consolidata l'autosufficienza nella raccolta di sangue ed emoderivati. Punto di riferimento anche per altre Regioni". Confermato il protocollo d'intesa fra Provincia, Università di Trento e di Verona per i corsi sanitari

L'assessore Luca Zeni festeggia l'importante traguardo sulle donazioni in Trentino
Pubblicato il - 07 ottobre 2016 - 21:12

TRENTO. Approvato oggi dalla giunta provinciale il Piano provinciale Sangue 2016-2018, il programma che detta le linee guida dei servizi trasfusionali e stabilisce gli obiettivi riguardanti l'autosufficienza del sangue a livello provinciale e la sicurezza trasfusionale. Le donazioni nel concreto sono passate da 23.537 donazioni di sangue intero e 7.560 kg di plasma raccolto nel 2013 alle 25.707 donazioni e ai 7.970 kg di plasma raccolto nel 2015.

 

Anche i donatori sono aumentati passando da 17.059 nel 2013 ai 18.044 nel 2015: 13.311 gli uomini, 4.733 le donne e 2.053 i nuovi donatori, quest'ultimo rappresenta un +10%. 

 

Sono infine aumentate in modo netto le donazioni a favore di altre Regioni: se nel 2013 le cessioni a favore di Lazio e Toscana sono state 446, nel 2015 sono state 5.085 per Lazio, Alto Adige, Toscana e Umbria. 

"Non solo abbiamo ormai raggiunto e consolidato l'autosufficienza nella raccolta di sangue ed emoderivati - comunica l'assessore - ma riusciamo a garantire importanti cessioni di emazie alle altre Regioni, un dato peraltro aumentato in modo esponenziale dal 2013. In Trentino la situazione è ottimale, tra l'altro nell'ultimo triennio è stato garantito l'arruolamento di nuovi donatori, assicurando in questo modo un ricambio generazionale. E questo grazie soprattutto al lavoro capillare delle associazioni di donatori, inserite nel tessuto sociale del nostro territorio. Anche questo Piano, in sostanza, è frutto di un lavoro coordinato, di una rete fra diversi soggetti, l'assessorato, l'Azienda sanitaria e le stesse associazioni".

 

Risultato che ben si sposa con l'approvazione del nuovo protocollo riguardante i corsi sanitari in ambito provinciale. "Continuiamo una collaborazione importante - spiega l'assessore Luca Zeni - fra la Provincia di Trento, l'Università di Trento e di Verona per la formazione in ambito locale dei laureati nelle professioni sanitarie (i corsi di laurea in 'infermieristica' e 'tecniche della prevenzione sul lavoro' a Trento, mentre 'fisioterapia', 'igiene dentale' e 'tecnica della riabilitazione psichiatrica' al polo di Rovereto ndr)".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 18:34

Preoccupatissima la categoria per le conseguenze devastanti che si annunciano per il sistema agricolo provinciale. Tra le richieste che si valuti la possibilità di riconoscere sgravi contributivi e indennizzi alle aziende frutticole che hanno subito danni rilevanti tali da compromettere redditività e sopravvivenza, nonché si attino specifici contributi, come quelli già previsti per l’acquisto di reti anti insetto

18 settembre - 17:21

Mal sopportato da tempo l'ex sindaco di Firenze ha messo in sicurezza il partito (portandolo di nuovo al governo), ha atteso si formasse il governo (per non ridurre tutto a una questione ministeri e segretariati) e ha fatto quello che praticamente tutti, prima di lui, hanno fatto nel Pd: lasciarlo. La senatrice trentina: ''E una casa autenticamente europeista, popolare e liberale''

18 settembre - 17:17

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 lungo la strada statale 240 all'altezza di un incrocio poco prima dell'abitato di Bezzecca. Il ferito elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato