Contenuto sponsorizzato

In Trentino cresce il numero dei morti sulle strade. Velocità, distrazione e non rispetto delle regole le principali cause degli incidenti

Tra i comportamenti errati più frequenti sono da segnalare la guida distratta, il mancato rispetto della precedenza e la velocità troppo elevata. Le violazioni al Codice della Strada più sanzionate risultano l’eccesso di velocità, il mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza e l’uso di telefono cellulare alla guida

Pubblicato il - 30 luglio 2017 - 13:26

TRENTO. La distrazione, il mancato rispetto delle regole di precedenza e la velocità troppo elevata sono le prime tre cause di incidente sulle nostre strade. A rilevarlo è stato anche quest'anno il rapporto diffuso nei giorni scorsi da Aci e Istat relativo al numero di incidenti stradali avvenuti in Italia tra il 2010 e il 2016.

 

Nel 2016 si sono verificati in Italia 175.791 incidenti stradali con lesioni a persone; le vittime sono state 3.283 e i feriti 249.175. A tornare a diminuire a livello nazionale sono i morti che rispetto al 2015 vedono un calo del 4,2%.

 

Dati, questi, che non rispecchiano quanto invece registrato in Trentino che purtroppo deve vestire la maglia nera per quanto riguarda l'incidentalità stradale.

 

Secondo infatti il rapporto Aci – Istat, tra il 2010 e il 2016, escludendo le regioni di piccole dimensioni che presentano valori più oscillanti nel tempo, Friuli Venezia Giulia, Sicilia e Liguria hanno ridotto il numero di vittime di oltre il 30%, Piemonte, Emilia Romagna, Lombardia e Lazio di oltre il 20%.

 

Il numero di morti sulle strade è invece salito (rispetto al 2010) nelle Province autonome di Trento e Bolzano-Bozen.  

Nel 2016 il numero di morti per 100 mila abitanti è più elevato della media nazionale (5,4) in 15 regioni (da 7,3 della PA di Bolzano a 5,50 del Molise), più contenuto in Liguria, Campania e Sicilia. Per quanto riguarda la provincia di Trento i morti sono passati da 29 del 2010 a 32 del 2016. Il tasso di mortalità in Trentino è di 5,9 morti in incidenti stradali ogni 100.000 abitanti, superiore alla media italiana che è de 5,4

 

Dati contravvenzioni

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

24 novembre - 19:26

Sono 478 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 51 in alta intensità. Sono stati trovati 143 positivi a fronte dell'analisi di 2.235 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

24 novembre - 19:49

Un'operazione di questo tipo non era mai stata messa in campo nemmeno nella prima ondata ma la situazione è preoccupante e i positivi sono diversi sia tra i permanenti che nella protezione civile. Lo screening con tamponi molecolari avverrà a partire da mercoledì

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato