Contenuto sponsorizzato

Una caserma nuova di zecca per i Vigili del Fuoco di Malé

Nato nel 1881, oggi il Corpo è composto da 37 uomini guidati dal comandante Mauro Ceschi, 6 membri onorari e 15 ragazzi che costituiscono la squadra giovanile.

Pubblicato il - 18 settembre 2016 - 18:20

MALE'. Il Corpo dei Vigili del Fuoco di Malè ha inaugurato oggi la nuova caserma del corpo. 

 

Il Corpo dei Vigili del Fuoco di Malé nasce in concomitanza con la maggior parte dei corpi del Tirolo nel 1881. Da quel momento quindi i gruppi spontanei di persone che mettevano a disposizione la propria opera nella prevenzione e repressione degli incendi, acquisiscono la dignità e i privilegi di corpo di polizia.

 

Inaugurazione Caserma dei Vigili del Fuoco di Malè

Molti sono stati gli incendi, le calamità e i servizi durante i quali il corpo fu chiamato a svolgere i propri compiti, come il grande incendio del 24 luglio 1892 che in poche ore distrusse gran parte dell'abitato di Malé. 

 

Oggi il Corpo è composto da 37 uomini guidati dal comandante Mauro Ceschi, 6 membri onorari e 15 ragazzi che costituiscono la squadra giovanile.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 febbraio - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 febbraio - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato