Contenuto sponsorizzato

I carri allegorici scaldano i motori per il Carnevale di San Michele, poi crauti, luganega e polenta per tutti

Le date da cerchiare in rosso sul calendario sono quelle di sabato 23 e domenica 24 febbraio. Tante le attività pensate per le famiglie

Di L.A. - 21 febbraio 2019 - 15:55

SAN MICHELE. Ancora poche ore e poi via libera al carnevale a San Michele, un evento a base di tradizione e musica, divertimentoenogastronomia e maschere. La manifestazione del Comitato carnevale è prevista per sabato 23 e domenica 24 febbraio. Un momento molto partecipato e un modo socializzare, ma anche restare in compagnia.

 

Si parte sabato 23 al palazzetto di San Michele con la festa in maschera e la cena, a prezzi popolari, a base di carne alla brace e contorno. Sono tante le iniziative per adulti e piccini. L'evento inoltre prevede il concerto dei Busi dei cui e quindi il dj set affidato a Matthew P. e Luca Mas

 

Grande attesa poi per domenica. L'appuntamento è per le 13.30 per la grande sfilata dei carri allegorici. Si parte da Grumo per entrare nel centro abitato lungo via Marconi, attraversare la piazza e il ponte per raggiungere San Michele. La statale resta chiusa per un'ora per permettere il passaggio del corteo. 

 

Alla fine è ancora festa e il Comitato offre gratuitamente un piatto di crauti, polenta, luganega e vin brulè. Un'iniziativa che si annuncia un successo: l'anno scorso sono stati distribuiti oltre mille pasti e il comitato organizzatore ha già ordinato oltre un quintale di crauti, luganega e polenta.

 

E dopo via libera al divertimento tra animatori professionisti per spettacoli e iniziative per famiglie tra baby dance, bolle, magia e intrattenimento, due gonfiabili, il servizio cucina e un dj set.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 19:14

La discussione è stata avviata nella Quinta Commissione in Provincia ma il tema era già nato lo scorso anno. Claudio Cia ha presentato un disegno di legge per fare in modo che la scelta del presidente dell'Opera Universitaria ricada in capo solo alla Provincia. Appoggio da parte dell'assessore Bisesti ma è già scontro con le opposizioni  

27 novembre - 08:10

La richiesta arrivata nel 2012 ha permesso ad una società di accedere ai contribuiti di un finanziamento del Fondo europeo di sviluppo regionale. Dovevano essere rispettati dei vincoli ma le indagini della Finanza hanno scoperto che la società non ha mai avuto una sede sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato