Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, parrucchieri e estetisti del Nordest uniti contro il nuovo Dpcm. Cna: "Flashmob per le oltre 19mila imprese del comparto"

Cna Nordest ha lanciato per giovedì 30 aprile una proposta di flashmob per le oltre 19mila imprese di parrucchieri ed estetisti delle tre regioni nord-orientali del Paese. "Possiamo aprire e in sicurezza, il governo ci ascolti", il messaggio che si vuole dare all'esecutivo dopo la comunicazione della riapertura per le attività del comparto fissata a inizio giugno

Pubblicato il - 28 aprile 2020 - 16:13

TRENTO. Un flashmob di parrucchieri, estetisti e imprenditori del settore di tutto il Triveneto. È questa l'ultima proposta lanciata da Cna Nordest, che di fronte alla scelta dell'esecutivo di fissare con l'ultimo Dpcm la riapertura delle attività di parrucchieri ed estetisti al primo giugno, ha opposto una vibrante protesta, chiedendo di poter ricominciare subito il lavoro per non rischiare il fallimento di diverse imprese.

 

Possiamo riaprire subito in sicurezza – scrivono - siamo pronti a collaborare ma il Governo ci ascolti”. Proprio da qui è nata così la decisione di dar vita ad un'azione dimostrativa con cui giovedì 30 aprile alle ore 19 si illumineranno per 5 minuti in tutte e tre le regioni le insegne d'ogni attività del settore. “ I titolari e i collaboratori delle aziende del comparto cura della persona – ha affermato il coordinatore per il Nordest e presidente del Cna Trentino Alto Adige Claudio Corrarati – sono professionisti della salute e della sicurezza da prima dell'epidemia di Covid-19. Sono perfettamente in condizione di riaprire, anche grazie a protocolli ferrei stipulati insieme alle parti sociali che vanno oltre le linee guida nazionali, mettendo al primo posto la sicurezza dei clienti, dei dipendenti e degli stessi imprenditori”.

 

A partecipare al flashmob, concordato in una videoconferenza di Cna Nordest con i raggruppamenti regionali, saranno così tutte le attività del comparto che lo vogliano, un comparto che conta in tutto il Triveneto ben 19200 attività, divise tra 13350 in Veneto, 3500 in Friuli-Venezia Giulia e 2400 in Veneto, per un totale di 31000 addetti (21mila in Veneto, 4800 in Trentino-Alto Adige e 5000 in Friuli-Venezia Giulia).

 

Tuttavia, dal Veneto arriva la proposta di allargare la protesta ad altri comparti. “Con le attività senza una data certa di riapertura, tasse e mutui se tutto va bene rinviati ma comunque da pagare e con pochi spiccioli ricevuti dallo Stato, sempre che siano rientrati tra i beneficiati, questi imprenditori sono a un passo dalla chiusura definitiva”, ha ammonito il presidente di Cna Veneto Alessandro Conte, invitando anche i proprietari di bar, ristoranti e attività di ristorazione ad accodarsi all'iniziativa di Cna.

 

Ai trasporti delle persone, invece, ha pensato Nello Coppeto, presidente di Cna Friuli-Venezia Giulia, autore di una proposta per un'azione unitaria che integri le riduzioni imposte ai trasporti pubblici. A raccogliere tutte queste rivendicazioni, ha partecipato alla videoconferenza anche il vicepresidente Guerino Gastaldi, che ha assicurato porterà tutte le proposte del Nordest a Roma.

 

Tra i temi toccati nella videoconferenza sono emerse alcune ipotesi, come quella di spalmare in 5 anni tutte le somme tra tasse, mutui, affitti ed incombenze d'altro genere che nono si possono pagare ora in un periodo di forzata chiusura e di mancanza di incassi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 05:01

Il presidente dell'Ordine dei medici, Marco Ioppi: "Sulla scuola si deve agire in modo sartoriale caso per caso. Annullare i Mercatini è stata una scelta di buonsenso e prevenzione. La stagione invernale va attentamente pianificata e gestita"

21 ottobre - 19:49

Purtroppo si registra anche un nuovo positivo a Cembra Lisignago dove si era sviluppato il più grosso focolaio legato alla popolazione residente che ha un rapporto dell'0,85% di positivi per residenti. Dato più alto nel comune vicino, ad Altavalle (1% di popolazione positiva). Altri tre comuni sopra lo 0,75%

21 ottobre - 20:14

La notizia è stata battuta da Reuters e ripresa in tutto il mondo. Il fatto sarebbe avvenuto in Brasile e la conferma arriva dall'Università di San Paolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato